Mali, la Francia chiede il sostegno dell’UE e l’Italia obbedisce

L’intervento militare francese in Mali ha incassato un sostegno trasversale nel panorama politico dell’esagono: dall’UMP, passando per il centro di Bayrou fino ad arrivare ai Verdi, oltre, naturalmente, ai socialisti del presidente Hollande. E tutti sono stati d’accordo nel chiedere all’Unione Europea ed alle altre forze internazionali di intervenire al fianco della Francia.

Jean-François Copé (UMP) si è detto fortemente inquieto per la solitudine della Francia in Mali, ma ha ribadito il suo sostegno al governo per questo intervento militare: “È veramente importante fare in modo che la comunità internazionale nel suo insieme si affianchi alla Francia in questo intervento che reputo necessario”.

Sia gli Stati Uniti che i Paesi dell’UE hanno approvato la decisione di Hollande, ma quasi nessun Paese, in un primo mento, ha offerto il suo sostegno effettivo. Solo la Gran Bretagna e la Danimarca hanno proposto un aiuto logistico. Il centrista François Bayrou si è detto preoccupato per la latitanza dell’UE, in particolare della Germania, e della Nato: “Gli europei e la Nato dove sono?”.

Il parlamentare europeo dei Verdi, Daniel Cohn-Bendit ha fatto sentire la sua voce in sede comunitaria, insieme al conservatore Arnaud Danjean. In seguito a queste esternazioni, si è aperto un tavolo dei ministri degli esteri europei dedicato ai “possibili interventi europei in Mali”, come affermato da Catherine Ashton, l’alta rappresentante dell’Unione Europea per gli esteri.

Ed ecco che, in men che non si dica, la Germania ha aperto le porte ad un sostegno alle operazioni militari francesi, seguita a ruota dall’Italia, che, attraverso il Ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata, ha dato il proprio benestare almeno per quanto riguarda un supporto logistico. E la Costituzione? E il Parlamento? Evidentemente non hanno alcuna importanza davanti ad interessi troppo grandi.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There is one comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.