La portata territoriale del conflitto in Mali

In un articolo recente, avevamo sottolineato come l’ampliamento del conflitto maliano, esistente in realtà da oltre 20 anni, possa essere considerato come una conseguenza indiretta della guerra che ha portato al cambiamento di regime in Libia. Allo stesso tempo, non possiamo sottovalutare le possibili conseguenze indirette del conflitto maliano, che potrebbero superare ancora una volta i confini nazionali per ripercuotersi sui Paesi limitrofi.

Tra i protagonisti del conflitto maliano ci sono infatti i Tuareg, un popolo dalle origini antiche che non va confuso, come a volte è stato fatto, con i fondamentalisti islamici. I Tuareg sono un popolo fondamentalmente nomade che si sposta all’interno del deserto del Sahara, senza tenere conto dei confini nazionali, visto che l’esistenza stessa degli stati non ha nulla a che fare con la cultura Tuareg. Ma questo popolo si trova comunque ad avere a che fare con degli stati, che spesso limitano la possibilità di spostamento con il controllo delle frontiere. La libertà di movimento all’interno del deserto del Sahara è infatti la richiesta principale del popolo Tuareg, ed il motivo per il quale si trova spesso in conflitto con i poteri centrali degli stati, come sta avvenendo in questo caso con il governo di Bamako.

Allo stesso tempo, poiché i Tuareg non conoscono confini nazionali, questa loro mobilità e trans-nazionalità può favorire una ulteriore espansione del conflitto, come è già avvenuto con gli spostamenti di popolazioni dalla Libia verso il Mali e l’Algeria. La maggioranza dei Paesi confinanti con il Mali non sono affatto dei territori stabili: la Mauritania, il Niger ed il Ciad, in particolare, hanno a loro volta problemi di conflitti interni, mentre il Sahara Occidentale è un territorio occupato dal Marocco contro la volontà della popolazione locale.

La crisi maliana potrebbe, nel peggiore degli scenari, trasformarsi una grande crisi del Sahel, che potrebbe risvegliare le voglie interventiste non solo della Francia, ma anche dell’altra sponda dell’Atlantico.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.