Bulgaria: proteste di massa, il governo cade

Le grandi manifestazioni che hanno invaso le strade di tutta la Bulgaria hanno spinto il Governo verso le dimissioni. Il Primo Ministro, Boyko Borisov, è infatti stato costretto a lasciare il proprio incarico in seguito alle proteste di massa, in particolare nella capitale Sofia, riguardanti soprattutto il prezzo eccessivo dell’elettricità.

Solo qualche ora dopo aver dichiarato la sua intenzione di continuare nel suo incarico, mercoledì 20 febbraio, Borisov ha rassegnato le proprie dimissioni davanti al Parlamento: “La gente ci ha dato il potere, oggi lo restituiamo a loro. Fino a ieri abbiamo fatto di tutto per soddisfare le richieste dei manifestanti. Da oggi non c’è più nulla che possiamo fare per loro”. Dopo una settimana di proteste, quindi, il Governo bulgaro ha definitivamente ceduto alla pressione popolare. Il Parlamento ha accettato le dimissioni con 209 voti favorevoli e solo 5 contrari. Borisov, leader del partito GERB (Grazhdani za evropeysko razvitie na Balgariya – Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria) era in carica dal 7 luglio 2009.

Il prezzo dell’elettricità, che in Bulgaria è controllata da due imprese ceche (ČEZ e Energo-Pro) ed una austriaca (EVN), dovrebbe comunque ridursi dell’8% a partire da marzo. Ma le richieste dei manifestanti ormai non si limitano più alla diminuzione del costo delle bollette: l’ambizione è quella della nazionalizzazione dell’energia elettrica.

Durante le manifestazioni, molte persone hanno mostrato striscioni in cui definivano Borisov un boss mafioso, mentre altri bruciavano le sue foto. Numerosi sono stati gli scontri con la polizia, con un bilancio di almeno 14 feriti.

Le proteste vanno comunque inserite in un quadro più ampio: la Bulgaria è il Paese più povero con l’UE, con uno stipendio mensile medio di 350 euro. La disoccupazione ha superato la soglia del 12% e si calcola che il 40% dei bambini del Paese sia denutrito. Gli ultimi 10 anni sono stati caratterizzati da piani di austerity imposti dai vari governi che si sono succeduti, sotto l’egida del FMI e dell’UE, e che hanno previsto anche numerose privatizzazioni che hanno portato all’insostenibile situazione attuale.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.