Tuvalu: Kausea Natano nuovo primo ministro

Dopo una lunga carriera politica, Kausea Natano ha conquistato la carica di primo ministro di Tuvalu, sostituendo l’ambientalista Enele Sopoaga. Il nuovo premier dovrebbe proseguire sulla linea del suo predecessore.

Secondo Paese meno popolato al mondo dopo la Città del Vaticano (conta meno di diecimila abitanti), Tuvalu è un arcipelago costituito da quattro isole coralline e cinque atolli, anche se la quasi totalità della popolazione vive sull’isola principale, quella della capitale Funafuti. Tuvalu fece parte dell’impero britannico fino al 1978, anno dell’indipendenza, e l’arcipelago era in passato conosciuto con il nome di Isole Ellice.

Le elezioni dello scorso 9 settembre hanno contribuito a designare la nuova composizione del parlamento, composto da appena sedici seggi, con la conseguente elezione di Kausea Natano nel ruolo di primo ministro, la carica politica più importante del Paese. Per Natano si tratta del coronamento di una lunga carriera politica, visto che siede in parlamento dal 2002, e resta oggi il deputato più longevo tra quelli attualmente in attività.

A contribuire alla sua elezione sono stati i risultati negativi ottenuti da alcuni ministri del precedente governo. Se il premier uscente, Enele Sopoaga, ha ottenuto la rinconferma nel collegio elettorale di appartenenza, Nukufetau, i suoi sostenitori si sono ridotti drasticamente a causa della mancata conferma di Satini Manuella, Taukelina Finikaso e Maatia Toafa. In carica dal 2013, Sopoaga era divenuto noto soprattutto per le sue battaglie in difesa dell’ambiente e contro il riscaldamento climatico che, per mezzo dell’innalzamento del livello dei mari, mette a repentaglio l’esistenza stessa di Tuvalu e di molte isole del Pacifico. Una battaglia spesso condotta insieme ad ʻAkilisi Pōhiva, primo ministro di Tonga, venuto a mancare qualche giorno fa (clicca qui per leggere l’articolo).

Fortunatamente per Tuvalu, anche il nuovo premier Natano mette l’ambiente al primo posto nel suo impegno politico, dunque dovrebbe proseguire sulla linea del suo predecessore, almeno su questa tematica. Eletto nella circoscrizione della capitale Funafuti, Natano ha presieduto il summit sul clima organizzato dalle Nazioni Unite nel 2014, e, insieme all’ex primo ministro Sopoaga, ha spesso fasso pressioni sul governo australiano per la diminuzione delle emissioni di gas serra. In occasione di un incontro internazionale avvenuto lo scorso mese, rivolgendosi al primo ministro australiano, Scott Morrison, Sopoaga aveva affermato: “Voi vi preoccupate di salvare la vostra economia, io mi preoccupo di salvare il mio popolo“.

Dal punto di vista della politica internazionale, invece, il nuovo governo potrebbe stringere maggiori legami economici con la Cina e ritirare il riconoscimento di Taiwan come Stato indipendente, seguendo quanto fatto di recente da un altro arcipelago del Pacifico, le Isole Salomone. Se dovesse verificarsi quanto temuto da Taipei, l’isola asiatica resterebbe con solamente quindici Paesi diplomaticamente alleati nel mondo.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.