Tunisia: Kaïs Saïed è il nuovo presidente

Le elezioni presidenziali hanno dato il proprio verdetto: il secondo turno del 13 ottobre hanno incoronato Kaïs Saïed come nuovo capo di Stato della Tunisia.

La maratona elettorale tunisina ha visto la propria conclusione domenica 13 ottobre, con il secondo turno delle presidenziali. Un mese prima, il 15 settembre, erano stati selezionati i due candidati per il ballottaggio, necessario in quanto nessun pretendente alla presidenza era stato in grado di raggiungere la maggioranza assoluta delle preferenze.

In quell’occasione, il sessantunenne Kaïs Saïed si era già distinto ottenedo il primo posto con il 18.40% delle preferenze. Professore di diritto costituzionale, “Robocop” si era presentato con un programma social-conservatore e con la lotta alla corruzione come grido di battaglia. Le sue posizioni conservatrici sui diritti delle donne e degli omosessuali hanno fatto di Saïed il candidato preferito di islamisti e tradizionalisti, ricetta che ha dato i propri frutti: il 72.71% degli elettori recatisi alle urne per il ballottaggio lo ha infatti scelto come prossimo presidente della Tunisia, ruolo che assumerà ufficialmente a partire dal 30 ottobre.

Dall’altra parte della scheda elettorale, c’era invece il nome di Nabil Karoui, cinquantaseienne uomo d’affari, che invece viene indicato come il “Berlusconi di Tunisia”. Karoui aveva fondato nel mese di giugno il suo partito, Al Cuore della Tunisia (Au cœur de la Tunisie – Qalb Tounes), assumendo posizioni di centro-sinistra, autoproclamandosi come un candidato di rottura nel senso dell’implementazione dei diritti civili e sociali. Vicino al suo avversario in occasione del primo turno (15.58%), Karoui non ha potuto contrastare Saïed, fermandosi al 27.29% dei voti. L’affluenza alle urne decisamente in crescita (57.8%), si è alla fine rivelata l’arma vincente del candidato conservatore.

Il 30 ottobre, dunque, Kaïs Saïed prenderà il posto di Mohamed Ennaceur, ottantacinquenne che ha assunto l’incarico lo scorso 25 luglio, in seguito alla morte del presidente Beji Caid Essebsi. Le prossime settimane, però saranno decisive anche per designare il nuovo governo del Paese nordafricano: in seguito alle elezioni legislative, il premier Youssef Chahed ha visto i partiti della propria coalizione perdere seggi. Ennahda (Ḥarakat al-Nahḍa, letteralmente Movimento della Rinascita), il partito di Rāshid al-Ghannūshī, ha ottenuto la maggioranza relativa dei seggi e dovrebbe essere indicato per andare a formare una nuova coalizione governativa. Molti analisti vedono in Zied Ladhari, ex ministro dello sviluppo, il candidato ideale per il ruolo di primo ministro.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.