Portogallo: nasce il secondo governo socialista di António Costa

Dopo la vittoria alle elezioni dello scorso 6 ottobre, il premier António Costa ha ufficialmente presentato il suo secondo governo del Portogallo.

Nessun cambiamento negli equilibri del governo portoghese: come nella precedente legislatura, il socialista António Costa guiderà un esecutivo di minoranza, incassando l’appoggio “caso per caso” degli altri partiti di sinistra. Una formula che ha ottenuto l’approvazione popolare, visti i risultati delle elezioni legislative dello scorso 6 ottobre, che hanno ulteriormente rafforzato il Partido Socialista (PS).

Due giorni dopo le elezioni, era stato il capo di Stato lusitano, Marcelo Rebelo de Sousa, ad incaricare Costa della formazione del nuovo governo, in quanto leader del partito con il maggior numero di consensi. Il cinquantottenne primo ministro si era allora impegnato a garantire la stabilità dell’esecutivo, adoperandosi per raggiungere un accordo con gli altri due partiti di sinistra, il Bloco de Esquerda (BE), guidato da Catarina Martins, e la Coligação Democrática Unitária (CDU), la coalizione di sinistra formata dal Partido Comunista Português (PCP) e dal Partido Ecologista “Os Verdes” . La formula proposta, come nel precedente quadriennio, non vedrà la partecipazione diretta di questi due gruppi nel governo, ma il loro sostegno permetterà comunque a Costa di mantenere le redini del Paese.

Nella sostanza, anche la squadra di governo resterà la stessa, in particolare per quanto riguarda le posizioni di maggior importanza strategica: Mário Centeno è stato confermato come ministro delle Finanze, dopo aver ottenuto per la prima volta negli ultimi quarant’anni la riduzione del debito pubblico portoghese, mentre il ministro dell’Economia, Pedro Siza Vieira, si è visto attribuire il nuovo Ministero dell’Economia e della Transizione digitale, con il compito di traghettare il Paese nella cosiddetta quarta rivoluzione industriale, quella dell’economia digitale.

Jerónimo de Sousa, segretario generale del Partido Comunista, ha sottolineato come il suo partito, pur restando disponibile a sostenere il governo socialista, continuerà allo stesso tempo a criticarne gli aspetti non condivisi: “Il PCP, onorando gli impegni assunti con i lavoratori e con il popolo, non mancherà con la sua iniziativa, disponibilità e determinazione, di far avanzare il Paese e migliorare la vita dei portoghesi, liberando il Portogallo dai vincoli che, a discrezione di PS, limitano e prevengono la risposta ai problemi nazionali e alle aspirazioni popolari“. Allo stesso tempo, l’accordo tra i partiti di sinistra ha permesso al Portogallo di centrare importanti obiettivi e di dare vita a lotte importanti nell’ultimo quadriennio: l’aumento generale dei salari e del salario minimo nazionale, la lotta contro la precarietà e la deregolamentazione dell’orario lavorativo, l’aumento delle pensioni di anzianità e della previdenza sociale, l’assistenza all’infanzia gratuita per tutti i bambini fino a tre anni, il diritto all’abitazione, gli investimenti nel trasporto pubblico, il miglioramento la scuola pubblica, la protezione della natura, dell’ambiente e dell’equilibrio ecologico.

LA SQUADRA DEL GOVERNO COSTA II

Primo Ministro – António Costa
Ministro dell’Economia e Transizione digitale – Pedro Siza Vieira
Ministro degli Affari esteri – Augusto Santos Silva
Ministro della Presidenza – Mariana Vieira da Silva
Ministro delle Finanze – Mário Centeno
Ministro della Difesa nazionale – João Gomes Cravinho
Ministro degli Affari interni – Eduardo Cabrita
Ministro della Giustizia – Francisca Van Dunem
Ministro della Modernizzazione dello Stato e della Pubblica Amministrazione – Alexandra Leitão
Ministro della Pianificazione – Nelson de Souza
Ministro della Cultura – Graça Fonseca
Ministro della Scienza, della Tecnologia e dell’Istruzione superiore – Manuel Heitor
Ministro della Pubblica istruzione – Tiago Brandão Rodrigues
Ministro del Lavoro, della Solidarietà e della Sicurezza sociale – Ana Mendes Godinho
Ministro della Sanità – Marta Feared
Ministro dell’Ambiente e dell’Azione per il clima – João Pedro Matos Fernandes
Ministro delle Infrastrutture e dell’Edilizia abitativa – Pedro Nuno Santos
Ministro della Coesione territoriale – Ana Abrunhosa
Ministro dell’Agricoltura – Maria do Céu Albuquerque
Ministro del Mare – Ricardo Serrão Santos

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.