Argentina: il Frente de Todos ottiene la maggioranza dei seggi

Dopo la vittoria di Alberto Fernández nella corsa alla presidenza, la coalizione di sinistra del Frente de Todos ha conquistato la maggioranza dei seggi in palio sia alla Camera dei Deputati che al Senato.

Mentre il presidente brasiliano si rifiuta di congratularsi per la vittoria del suo prossimo omologo argentino, Alberto Fernández ha ottenuto una nuova importante vittoria in vista del suo mandato presidenziale, con inizio ufficialmente fissato al 10 dicembre. Il sessantenne presidente eletto, infatti, ha visto la propria coalizione conquistare la maggioranza dei seggi in palio in entrambe le camere che compongono il parlamento della repubblica sudamericana.

Partiamo dal Senato, dove la vittoria della coalizione di sinistra è andata anche oltre le aspettative. Il Frente de Todos, coalizione variegata capeggiata dai peronisti del Partido Justicialista (PJ), ma che vede anche la partecipazione del Partido Comunista de la Argentina (PC) e del Partido Comunista Revolucionario (PCR), ha portato a casa ben tredici seggi sui ventiquattro che andavano rinnovati quest’anno. Juntos por el Cambio, la lista a sostegno del presidente uscente Mauricio Macri, invece, ha ottenuto otto seggi. Il presidente Alberto Fernández potrà inoltre fare affidamento sui due senatori eletti nelle fila del Frente Cívico por Santiago, lista kirchnerista della provincia Santiago del Estero, e probabilmente anche sul senatore della lista Juntos Somos Río Negro (JSRN), dal nome di un’altra provincia argentina.

In totale, il Senato argentino comprende 72 scranni, ma solamente ventiquattro di questi andavano rinnovati quest’anno. Il mandato dei senatori argentini dura infatti sei anni, ma le elezioni per i senatori delle diverse province sono separate in tre gruppi, portando ad una modifica della composizione della camera alta ogni due anni.

Per quanto riguarda la Camera dei Deputati, invece, erano in palio 130 dei 257 scranni che compongono l’emiciclo. La camera bassa ha visto una vittoria meno schiacciante per il Frente de Todos, che comunque ha eletto 64 senatori contro i 56 del cartello a sostegno del neoliberista Macri. Tre i deputati eletti nelle fila del Consenso Federal, il partito di Roberto Lavagna, mentre diverse liste si sono assicurate un seggio: il precedentemente citati Frente Cívico por Santiago e Juntos Somos Río Negro si aggiungono l’Alianza Hacemos por Córdoba, l’Alianza Frente Renovador de la Concordia e Vamos Todos a Vivir Mejor. Le due alleanze dovrebbero schierarsi a loro volta in favore del presidente eletto.

Secondo Patricio Echegaray, segretario generale del Partido Comunista de la Argentina, “questo trionfo elettorale è di grande importanza sia per il nostro Paese che per tutta l’America Latina e i Caraibi, dove i nostri popoli combattono giorno dopo giorno contro i governi neoliberisti come vediamo oggi in Haiti, Ecuador, Honduras e Cile, cercando di riprendere politiche di integrazione che seguano il cammino della costruzione della Patria Grande, contro gli interessi e le minacce dell’imperialismo USA, come hanno fatto i boliviani rieleggendo Evo Morales, il popolo colombiano che sconfigge l’Uribismo alle elezioni comunali e con il voto al Frente Amplio in Uruguay, dove affrontiamo il compito di riuscire nel prossimo scrutinio“.

L’ultimo riferimento di Echegaray riguarda le elezioni tenutesi in Uruguay domenica scorsa, in concomitanza con quelle argentine. A Montevideo, al contrario di quanto accaduto a Buenos Aires, il verdetto finale potrà essere proclamato solamente al termine del ballottaggio, che vedrà la sfida tra Daniel Martínez, candidato di sinistra del Frente Amplio alla successione del presidente Tabaré Vázquez, e Luis Lacalle Pou, candidato liberal-conservatore del Partido Nacional. Dedicheremo alle elezioni in Uruguay un prossimo articolo.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.