Uruguay: Daniel Martínez in testa, presidenziali al secondo turno

Daniel Martínez, candidato della coalizione di sinistra Frente Amplio, ha ottenuto il 40.66% dei consensi al primo turno delle elezioni presidenziali. Al ballottaggio anche Luis Lacalle Pou, del Partido Nacional.

Come nella vicina Argentina, in Uruguay si è votato domenica 27 ottobre per le elezioni presidenziali. Al governo ininterrottamente dal 2005, la coalizione di sinistra Frente Amplio presentava come proprio candidato Daniel Martínez, visto che la Costituzione del Paese non permette la ricandidatura del presidente in carica, Tabaré Vázquez.

Sessantaduenne, Martínez proviene dalle fila del Partido Socialista del Uruguay, lo stesso di Vázquez, sotto il quale ha già ricoperto il ruolo di ministro dell’Industria e dell’Energia tra il 2008 ed il 2009, mentre tra il 2010 ed il 2015 ha occupato un seggio di senatore. La coalizione del Frente Amplio, inoltre, vede anche la partecipazione del Partido Comunista del Uruguay, guidato dall’agronomo e senatore Eduardo Lorier.

Nonostante i timori della vigilia, con molti analisti che davano il raggruppamento di sinistra in flessione, la candidatura del socialista Martínez ha raccolto ampi consensi, ottenendo il 40.66% delle preferenze. Certo, il risultato resta lontano dalla maggioranza assoluta conquistata da Vázquez cinque anni fa, con un record di preferenze superiore al 56%, ma comunque permetterà a Martínez di presentarsi come grande favorito in occasione del ballottaggio, previsto per il 24 novembre.

L’altro candidato in lizza sarà il quarantaseienne Luis Alberto Lacalle Pou, rappresentante del Partido Nacional (PA), forza conservatrice e liberista, che rappresenta il principale partito di opposizione al governo. Il candidato di destra, già candidato alla presidenza cinque anni fa, resta comunque a distanza di sicurezza, con il 29.68% delle preferenze ed oltre 250.000 preferenze di ritardo rispetto al primo classificato.

Tra gli altri candidati alla presidenza, troviamo in terza posizione Ernesto Talvi del centrista Partido Colorado (12.79%), oramai ridimensionato dopo aver governato il Paese per larghi tratti degli ultimi due secoli. Rilevante anche l’11.30% ottenuto da Guido Manini Ríos, leader dei conservatori di Cabildo Abierto, mentre non va oltre l’1.43% César Vega, del Partido Ecologista Radical Intransigente.

Per quanto riguarda la distribuzione dei seggi, il Frente Amplio ha conquistato la maggioranza relativa sia alla Camera dei Deputati, con 42 seggi su 99, che al Senato, con tredici senatori eletti su trenta scranni disponibili. Il Partido Nacional resta la prima forza di opposizione, con trenta deputati e dieci senatori, mentre il Partido Colorado elegge esattamente gli stessi rappresentanti di cinque anni fa, rispettivamente tredici e quattro. Il nuovo partito di destra Cabildo Abierto entra in parlamento con undici seggi alla camera bassa e tre in quella alta.

Le forze minori non hanno eletto senatori, ma potranno contare su un deputato a testa il Partido Ecologista Radical Intransigente, il Partido de la Gente ed il democristiano Partido Independiente.

Da segnalare, infine, la partecipazione alle elezioni del trotzkista Partido de los Trabajadores, che però non ha eletto nessun rappresentante, fermandosi allo 0.06% con il proprio candidato alla presidenza, Rafael Fernández.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.