Polonia: inizia il secondo governo Morawiecki

Come previsto, i risultati delle ultime elezioni legislative hanno permesso la formazione di un secondo governo guidato dal premier in carica Mateusz Morawiecki.

È stata una mera formalità: nella giornata di giovedì 14 novembre, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha rassegnato le proprie dimissioni al presidente Andrzej Duda, per poi ottenere dallo stesso capo di Stato l’incarico di formare un nuovo governo. Il passaggio tra primo e secondo governo Morawiecki si è reso necessario in seguito alla prima seduta del nuovo parlamento di Varsavia, rinnovato il 13 ottobre attraverso le elezioni legislative.

In quell’occasione, il partito di centro-destra Diritto e Giustizia (in polacco: Prawo i Sprawiedliwość, abbreviato in PiS) aveva ottenuto una nuova schiacciante vittoria, ottenendo la maggioranza assoluta tra i deputati e quella relativa al Senato. Leader incontrastato del partito, l’ex primo ministro Jarosław Kaczyński ha dato il via libera al suo braccio destro Morawiecki per la conferma nel ruolo di premier, proponendo nuovamente il suo nome al presidente Duda, altro esponente proveniente dalla fila di PiS.

Abbiamo una visione assolutamente comune sullo sviluppo della Polonia, una visione comune sulle priorità, su una politica centrata sul cittadino, sui suoi bisogni, sul suo successo nella vita, sul miglioramento della qualità della vita in Polonia, nonché sul rafforzamento della posizione della Polonia sulla scena internazionale“, ha dichiarato il capo di Stato in seguito all’investitura di Morawiecki.

In base alla composizione della nuova squadra di governo, il primo ministro terrà per sé la funzione di ministro dello sport, mentre nella precedente legislatura aveva svolto il ruolo di ministro dello sviluppo e delle finanze. Presenti anche tre ministri provenienti da altri partiti, confermati rispetto all’esperienza precedente: Zbigniew Ziobro, di Solidarna Polska, incaricato della giustizia, Jarosław Gowin, leader di Accordo (Porozumienie Jarosława Gowina), vicepremier e ministro della Scienza e dell’Istruzione Superiore, e la sua compagna di partito, Jadwiga Emilewicz, incaricata del ministero dello sviluppo.

LA SQUADRA DEL GOVERNO MORAWIECKI II

Primo ministro e Ministro dello Sport – Mateusz Morawiecki
Vicepremier, Ministro della cultura e del patrimonio nazionale, Presidente del comitato di pubblica utilità – Piotr Gliński
Vicepremier, Ministro della scienza e dell’istruzione superiore – Jarosław Gowin
Vicepremier, Ministro delle attività statali – Jacek Sasin
Ministro delle infrastrutture – Andrzej Adamczyk
Ministro dell’agricoltura e dello sviluppo rurale – Jan Ardanowski
Ministro della difesa nazionale – Mariusz Błaszczak
Ministro degli affari esteri – Jacek Czaputowicz
Ministro membro del Consiglio dei ministri – Michał Dworczyk
Ministro dello sviluppo – Jadwiga Emilewicz
Ministro degli affari marittimi e della navigazione interna – Marek Gróbarczyk
Ministro dei fondi e politica regionale – Małgorzata Jarosińska-Jedynak
Ministro membro del Consiglio dei ministri, Ministro dell’interno e dell’amministrazione – Mariusz Kamiński
Ministro delle finanze – Tadeusz Kościński
Ministro del clima – Michał Kurtyka
Ministro della famiglia, del lavoro e delle politiche sociali – Marlena Maląg
Ministro dell’istruzione nazionale – Dariusz Piontowski
Ministro membro del Consiglio dei ministri – Łukasz Schreiber
Ministro della salute – Łukasz Szumowski
Ministro membro del Consiglio dei ministri – Konrad Szymański
Ministro membro del Consiglio dei ministri – Michał Woś
Ministro della digitalizzazione – Marek Zagórski
Ministro della giustizia – Zbigniew Ziobro

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, “Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam”, Paese nel quale risiede tuttora.

There is one comment

  1. Polonia: presidenziali rinviate a causa del coronavirus | World Politics Blog

    […] Il governo polacco guidato da Mateusz Morawiecki ha ufficializzato nella giornata di giovedì la decisione di rinviare le elezioni presidenziali, inizialmente previste per il 10 maggio, dopo che, lo scorso 30 aprile, nove ex primi ministri e presidenti del Paese, compresi Lech Wałęsa e l’ex presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, avevano pubblicato una lettera in cui chiamavano gli elettori a boicottare le urne. In seguito alla pubblicazione della lettera, un sondaggio ha rivelato che meno di un terzo dei polacchi avrebbe preso parte alle elezioni se queste si fossero svolte il 10 maggio, lasciando il governo senza grandi alternative rispetto al rinvio delle presidenziali. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.