La Bulgaria rischia di andare (ancora) a nuove elezioni

Nell’impossibilità di formare un nuovo governo, la Bulgaria potrebbe andare verso una terza tornata elettorale consecutiva.

Dallo scorso aprile, la Bulgaria si trova nell’impossibilità di formare un nuovo governo. Il 4 aprile, infatti, si erano svolte le elezioni legislative che avevano visto il primo ministro Boyko Borisov ed il suo partito, Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria (Граждани за европейско развитие на България – ГЕРБ; Graždani za evropejsko razvitie na Bălgarija – GERB), in coalizione con l’Unione delle Forze Democratiche (Съюз на Демократичните Сили, СДС; Săjuz na Demokratičnite Sili, SDS), ottenere il primo posto con una maggioranza relativa. Borisov avrebbe dunque dovuto formare una coalizione per mantenere il governo della Bulgaria, ma il rifiuto delle altre forze politiche di allearsi con il GERB ha costretto il Paese ad andare a nuove elezioni, che si sono svolte l’11 luglio.

Questa volta, dopo dodici anni di dominio incontrastato della vita politica bulgara, Borisov ha subito una pesante sconfitta, ed il GERB ha dovuto cedere il primato alla piattaforma “populista” denominata C’è un popolo come questo (Има такъв народ; Ima takav narod), guidata dal personaggio televisivo Slavi Trifonov. In molti hanno considerato questo risultato come un segnale di cambiamento per la Bulgaria, considerando anche i risultati positivi registrati dalle altre liste che si presentavano con un programma anti-establishment.

Tuttavia, l’entusiasmo ha presto lasciato il posto al realismo quando anche queste giovani formazioni sono state chiamate a trovare un accordo per formare un governo. Immediatamente sono emerse le prime divergenze tra Trifonov e i leader degli altri partiti avrebbero potuto sostenere il suo esecutivo. Inizialmente, a destare scalpore è stata la nomina di Nikolay Vasilev come potenziale nuovo premier: Vasilev, infatti, ha una lunga carriera politica di governo alle spalle, e questo contrastava decisamente con il volto di “forza del cambiamento” che Trifonov aveva dato al suo partito nel corso della campagna elettorale.

Dopo aver ricevuto risposte negative da parte di quasi tutti i partiti sulla candidatura di Vasilev, il 15 luglio Trifonov ha ufficialmente ritirato la sua candidatura. In questo modo, il leader della prima forza politica del Paese ha tentato di venire incontro alle altre forze politiche, ma gli esiti successivi hanno fatto comprendere a tutti come le divergenze non si limitassero unicamente alla nomina di Vasilev. Il 22 luglio, Trifonov ha dato il via ad un giro di discussioni per identificare i partiti disponibili alla formazione di un governo di coalizione, escludendo il GERB, ma includendo per la prima volta il Movimento per i Diritti e le Libertà (Движение за Права и Свободи, ДПС; Dviženie za Prava i Svobodi, DPS), che rappresenta in particolare la popolazione di origine turca, ed il Partito Socialista Bulgaro (Българска Социалистическа Партия, БСП; Bălgarska Socialističeska Partija, BSP). 

Il 27 luglio, il partito di Trifonov ha ufficialmente ricevuto il mandato di formare un nuovo governo da parte del presidente Rumen Radev, proponendo questa volta il nome di Plamen Nikolov, manager 44enne con una scarsa esperienza politica, come primo ministro. Trifonov ha affermato di voler formare un esecutivo di minoranza con il sostegno di forze esterne, senza dunque formare una vera e propria coalizione. Da quel momento, Nikolov aveva una settimana di tempo per ottenere il voto di almeno 121 dei 240 parlamentari che occupano l’emiciclo di Sofia. In realtà, però, solamente i socialisti hanno mostrato interesse verso il nuovo governo proposto da Trifonov.

Impossibilitato a formare un esecutivo guidato da Nikolov, Trifonov ha annunciato il 10 agosto che il suo partito rinunciava alla guida del nuovo esecutivo. nella stessa occasione, Trifonov ha anche affermato che il suo partito non appoggerà nessun altro partito che potrebbe tentare di formare un governo, il che significa che il paese si sta “dirigendo verso nuove elezioni“. In effetti, il compito di formare l’esecutivo è ora passato alla seconda forza politica delle ultime elezioni, il GERB, ma appare quasi impossibile che il partito di Borisov riesca a trovare i voti necessari per conquistare la maggioranza. Se anche il GERB dovesse fallire, il presidente Radev avrebbe un’ultima opportunità per appellarsi ad un’altra forza politica, prima di essere costretto ad indire quella che sarebbe la terza tornata elettorale consecutiva.

A questo punto, la Bulgaria rischia di trovarsi in un circolo vizioso di elezioni e governi impossibili da formare, come quello che ha caratterizzato Israele fino a pochi mesi fa. “Un terzo turno di elezioni sarà una situazione di perdita per tutti, ma soprattutto per i cosiddetti partiti di protesta”, ha detto il politologo Lyubomir Stefanov a Balkan Insight. “Un tale scenario dimostrerebbe l’incapacità dell’opposizione di raggiungere l’obiettivo più alto di cambiare lo stile di governo e ripristinare la democrazia parlamentare in Bulgaria”. L’unico vincitore in un tale scenario potrebbe allora essere proprio Boyko Borisov, che potrebbe tornare in sella come l’unico in grado di dare stabilità politica al Paese.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.