L’economia del Vietnam colpita dalla pandemia

Il sud del Vietnam sta subendo fortemente l’impatto della quarta ondata di Covid-19, mentre le province del nord fanno segnare una ripresa incoraggiante.

La quarta ondata del Covid-19 in Vietnam sta incidendo sul Paese molto più rispetto alle precedenti, a causa dell’alto numero di casi positivi registrati, ai quali le autorità nazionali e locali hanno risposto con misure molto restrittive, che hanno portato allo stop di numerose attività economiche. A inizio settembre, infatti, il Paese dell’Asia sud-orientale ha raggiunto i 473.500 casi positivi e gli 11.868 morti a causa del virus.

Secondo i dati ufficiali, le conseguenze peggiori sono state registrate nel settore manifatturiero ed in quello della vendita al dettaglio, che hanno fatto registrare un forte calo nel corso del mese di agosto. Nel suo rapporto mensile l’Ufficio di Statistica Generale vietnamita ha affermato che la quarta ondata di Covid-19 ha avuto un “grave impatto” sull’economia mentre a luglio aveva avuto un “impatto negativo”. Si stima che l’indice della produzione industriale sia diminuito del 4,2% da luglio e del 7,4% su base annua, il calo più alto dopo quello di febbraio, periodo nel quale però vi sono due settimane di vacanze per il capodanno lunare.

I cali maggiori sono stati osservati nelle località meridionali, compresa la capitale economica Hồ Chí Minh City, dove l’epidemia ha avuto l’impatto maggiore. L’indice della produzione industriale della metropoli è sceso del 49% su base annua, anche se i dati peggiori in assoluto sono stati registrati in altre due province del sud, Bến Tre e Đồng Tháp, dove il crollo è stato addirittura del 60%.

Molte fabbriche hanno dovuto ridurre la capacità o chiudere per combattere il Covid-19“, afferma un rapporto dell’ufficio statistico di Hồ Chí Minh City. “Molti faticano a reperire i materiali a causa delle restrizioni sui trasporti e le vendite sono danneggiate poiché ciò rende anche difficile la distribuzione“.

Per quanto riguarda l’industria della pesca, uno dei settori industriali più colpiti, oltre il 50%o degli impianti di pescicoltura nelle regioni del delta del Mekong e del delta del fiume Sài Gòn sono stati chiusi, secondo quanto riportato dall’Associazione degli esportatori e produttori di frutti di mare del Vietnam.

Nel settore delle vendite al dettaglio, i ricavi delle vendite di prodotti e servizi di consumo hano fatto registrare un calo di quasi il 34% su base annua ad agosto.

Tutto ciò sta portando anche ad un aumento della disoccupazione, che generalmente è molto bassa nel Paese. Secondo i dati ufficiali, il dato dell’occupazione nelle aziende manifatturiere è diminuito del 10,6% su base annua. Tra gli altri dati macroeconomici, anche quello delle esportazioni ha subito un calo del 6%, causato non solamente dal diffondersi del virus in Vietnam, ma anche delle crescenti difficoltà che stanno vivendo molti Paesi verso i quali generalmente sono rivolte le esportazioni vietnamite, a partire dagli Stati Uniti, che proprio in questi giorni stanno facendo registrare nuovi picchi di casi positivi dovuti alla variante Delta.

Le difficoltà della regione meridionale sono in parte controbilanciate dalle buone prestazioni fatte registrare dalle province settentrionali, dove l’epidemia ha un’incidenza decisamente minore. Le province di Hải Phòng, Bắc Ninh e Quảng Ninh, le prime ad essere colpite dalla quarta ondata, hanno ripreso la crescita economica, facendo registrare un incremento della produzione industriale rispettivamente del 20,6%, del 9,8% e del 7,4, grazie a una ripresa delle esportazioni di elettronica e abbigliamento.

Il primo ministro Phạm Minh Chính ha affermato che il governo ha deciso di sacrificare la crescita economica per combattere l’epidemia, ma ha richiesto la massima collaborazione da parte delle autorità locali per raggiungere i risultati sperati: “Le località che hanno fatto sacrifici economici e sociali per imporre misure di distanziamento sociale dovrebbe tenere sotto controllo l’epidemia di Covid-19 in cambio di ciò“, ha affermato. “Coloro che non adempiono alle loro responsabilità devono essere affrontati“, ha però ammonito.

Il capo del governo ha poi aggiunto che i lockdown non possono essere l’unico modo per combattere la pandemia di Covid-19: “È necessaria una combinazione di soluzioni per respingere il coronavirus. L’obiettivo dell’intero Paese ora è prevenire la diffusione delle infezioni, applicare soluzioni per adattarsi in sicurezza alla malattia e ridurre il tasso di mortalità con vaccini e farmaci”, ha dichiarato nella giornata del 1° settembre.

Il primo ministro ha affermato che il Paese “non potrà restare in isolamento e in lockdown per sempre”, perché queste misure pongono enormi difficoltà alla società e all’economia. “Applicare la scienza alla prevenzione della pandemia è la chiave fondamentale per il successo e il percorso per sconfiggere la pandemia“, ha aggiunto.

Abbiamo fissato l’obiettivo del contenimento e del controllo dell’epidemia, ma dobbiamo sapere che questa guerra è ancora lunga e che dovremo convivere con la pandemia per molto tempo“, ha concluso Phạm Minh Chính.

Articolo pubblicato su www.lacittafutura.it

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There is one comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.