Vertice delle Americhe: l’Argentina chiede la ristrutturazione delle relazioni interamericane

Il presidente Alberto Fernández ha protestato per le sanzioni imposte a Cuba e Venezuela, ed ha proposto la ristrutturazione degli organismi multilaterali dai quali dipendono le relazioni diplomatiche tra i Paesi delle Americhe.

Il Vertice delle Americhe, convocato da Joe Biden a Los Angeles, si sta trasformando in un vero e proprio boomerang per gli Stati Uniti. Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, a destare le proteste di molti Paesi è stata l’esclusione immotivata di Cuba, Venezuela e Nicaragua dall’incontro multilaterale, esclusione alla quale i governi progressisti del continente hanno reagito in maniera diversa. Alcuni (Messico, Bolivia, Honduras, Saint Vincent e Grenadine) hanno deciso un boicottaggio parziale dell’evento, inviando membri di secondo piano del governo, mentre altri, come l’Argentina, hanno utilizzato il palcoscenico del vertice per levare gli scudi contro l’imperialismo statunitense.

Il presidente argentino Alberto Fernández è intervenuto giovedì per criticare le esclusioni di Cuba, Venezuela e Nicaragua, affermando che gli Stati Uniti si sono arrogati un “diritto di ammissione” che non gli spetta: “Perché ciò non accada di nuovo, vorrei chiarire per il futuro che il fatto di essere il Paese ospite del vertice non garantisce la possibilità di imporre un ‘diritto di ammissione’ ai Paesi membri del continente”, ha detto il capo di Stato.

Fernández è intervenuto a nome della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC), di cui è presidente pro tempore, e ha sottolineato che in questa comunità si convive all’interno della diversità dei criteri e del rispetto, perché sebbene i punti di vista possano variare, le preoccupazioni sono molto simili in un contesto così complesso.

Il presidente argentino è andato anche oltre, denunciando il blocco economico illegale che gli Stati Uniti impongono contro Cuba e Venezuela: “L’America Latina guarda con dolore alle sofferenze patite da due popoli fratelli. Cuba subisce un blocco di oltre sei decenni imposto durante la Guerra Fredda e il Venezuela ne subisce un altro. Con misure di questo tipo, l’obiettivo è condizionare i governi, ma in realtà ad essere danneggiati sono solo i popoli”, ha detto.

Poi, Fernández si è rivolto direttamente a Joe Biden, esortandolo a cambiare la linea di politica estera tenuta dagli Stati Uniti nei confronti di questi Paesi: “Gli anni precedenti al suo arrivo nel governo degli Stati Uniti d’America sono stati caratterizzati da una politica immensamente dannosa per la nostra regione attuata dall’amministrazione che l’ha preceduta. È tempo che queste politiche cambino e che i danni vengano riparati”.

Il presidente argentino ha espresso il desiderio che la regione abbia un futuro senza divisioni alla ricerca della prosperità e dell’uguaglianza: “Sogno che in un’America fraternamente unita, ci impegniamo affinché tutti gli esseri umani che abitano il nostro continente abbiano il diritto al pane, alla terra, al tetto e a un lavoro dignitoso”.

Alberto Fernández ha dunque chiesto una vera e propria ristrutturazione delle relazioni interamericane, che vengono gestite da organismi multilaterali troppo spesso asserviti agli interessi degli Stati Uniti. In particolare, il presidente argentino ha fatto riferimento all’Organizzazione degli Stati Americani (OSA), che è divenuta un mezzo per promuovere la destabilizzazione nella regione, come nel caso del colpo di Stato boliviano del 2019: “L’OSA è stata utilizzata come gendarme che ha facilitato un golpe in Bolivia. Si sono appropriati della guida della Banca interamericana di sviluppo, che era storicamente nelle mani dell’America Latina. Le azioni di riavvicinamento con Cuba sono state interrotte”, ha sottolineato Fernández.

In questo vertice dobbiamo analizzare il presente e proiettare il domani alla ricerca di una ricostruzione creativa del multilateralismo. Un pensiero unico non può essere imposto in un mondo che richiede armonia sinfonica di fronte ai drammi comuni”, ha concluso il capo di Stato sudamericano.

La posizione dell’Argentina su queste tematiche era stata precedentemente espressa anche dal ministro degli Esteri di Buenos Aires, Santiago Cafiero. “Dobbiamo lasciarci alle spalle le pagine tristi della storia e promuovere l’integrazione. L’OSA non dovrebbe mai più legittimare processi di destabilizzazione o farsi coinvolgere in un colpo di Stato come accaduto in Bolivia”, ha detto il diplomatico di fronte al consesso di Los Angeles. “Se le istituzioni chiamate a promuovere lo sviluppo e il dialogo sbagliano strada, alzeremo la voce in difesa dei popoli dell’America Latina e dei Caraibi“.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There is one comment

  1. Vertice delle Americhe: la Bolivia respinge le politiche imperialiste | World Politics Blog

    […] Il Vertice delle Americhe, convocato da Joe Biden per riaffermare l’egemonia imperialistica statunitense sul continente, si è dunque confermato un vero fallimento per Washington, visto che la maggioranza dei delegati ha utilizzato lo spazio a propria disposizione per criticare aspramente le politiche statunitensi in America Latina, come aveva precedentemente fatto anche il presidente argentino Alberto Fernández. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.