Le falsità degli Stati Uniti sulla Cina – Parte 5: l’unione tra Partito e popolo cinese

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha pubblicato un documento dal titolo “Reality Check: Falsehoods in US Perceptions of China“, nel quale si elencano alcune falsità che la propaganda statunitense diffonde sul conto della Cina. Di seguito l’analisi della quinta menzogna anticinese.

Parte 1: l’ordine mondiale a guida USA
Parte 2: la nuova Guerra Fredda
Parte 3: la diplomazia coercitiva
Parte 4: la democrazia

Falsità 5: gli Stati Uniti hanno profonde differenze con il Partito Comunista Cinese e il governo cinese. Ma queste differenze sono tra governi e sistemi, non tra i nostri popoli.

Realtà: la leadership del PCC è la scelta della storia e del popolo. Il PCC e il governo cinese godono del sostegno e dell’approvazione incondizionati del popolo cinese. Il tentativo degli Stati Uniti di creare delle discrepanze tra il PCC e il popolo cinese serve solo a rivelare la loro animosità contro il sistema e il percorso della Cina.

◆ Il PCC ha profonde radici e stretti legami con il popolo cinese. Questo è ciò che ha mantenuto il PCC pieno di vigore e vitalità. Alla fine del 2021, il PCC contava oltre 95 milioni di membri. Il PCC è il più grande partito al mondo che ha esercitato una governance a lungo termine nel Paese più popoloso del mondo. Sotto la guida del PCC, la Cina ha creato i due miracoli del rapido sviluppo economico e della stabilità sociale a lungo termine. Oltre 800 milioni di persone sono uscite dalla povertà e 1,4 miliardi di persone si stanno avviando verso la modernizzazione. Nel corso di pochi decenni, la Cina ha realizzato ciò che ha richiesto centinaia di anni ai Paesi sviluppati occidentali.

Un sondaggio dell’Università di Harvard tra i cinesi nell’arco di 13 anni ha rilevato che oltre il 90% degli intervistati è soddisfatto del Partito e del suo governo, il tasso più alto tra tutti i Paesi negli ultimi anni. Un sondaggio sulla fiducia e sulla credibilità pubblicato nel 2022 da Edelman, una rinomata società di consulenza per le pubbliche relazioni degli Stati Uniti, mostra che fino al 91% dei cittadini cinesi si fidava del proprio governo nel 2021, il più dato alto tra tutti i Paesi intervistati.

◆ La precedente amministrazione statunitense, in una campagna in stile maccartismo, ha fatto di tutto per attaccare e screditare il PCC. Ha attaccato i leader cinesi e le politiche interne ed estere della Cina, seminato discordia tra il PCC e il popolo cinese, contestato in modo flagrante la leadership e la posizione di governo del PCC, incitato al sentimento anti-cinese e anti-PCC e imposto restrizioni sui visti ai membri del PCC e alle loro famiglie.

L’attuale amministrazione, sin dalla sua inaugurazione, non ha apportato modifiche sostanziali a tali politiche. Nel giugno 2021, il Senato degli Stati Uniti ha approvato l’Innovation and Competition Act degli Stati Uniti del 2021, che è lungo più di 2.000 pagine. Esso considerava la Cina un concorrente strategico e la principale sfida per gli Stati Uniti, diffamava il percorso di sviluppo della Cina e le sue politiche interne ed estere, e sollecitava malignamente azioni per contrastare ”l’influenza e le attività maligne” del PCC. Ha chiesto più di 200 miliardi di dollari statunitensi di finanziamenti pubblici per garantire i vantaggi degli Stati Uniti nei settori tecnologici chiave sulla Cina e ha sostenuto la mobilitazione di risorse statunitensi nei settori strategico, diplomatico, economico e tecnologico per impegnarsi in una concorrenza strategica globale con la Cina. Il Senato degli Stati Uniti ha anche proposto uno stanziamento di 300 milioni di dollari USA per ciascuno degli anni fiscali dal 2022 al 2026 per “contrastare l’influenza maligna” del PCC e ha designato il Dipartimento di Stato e l’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti per formare i giornalisti sulle tecniche investigative necessarie per garantire la responsabilità pubblica relativa alla Belt and Road Initiative, compreso il “sostegno della società civile e dei media indipendenti”.

Gli Stati Uniti continuano a utilizzare il background del PCC come pretesto per reprimere reprimere normali scambi e cooperazione interpersonali. Per qualche tempo, gli studenti e gli accademici cinesi che si recavano negli Stati Uniti sono stati molestati e repressi dagli Stati Uniti. Alla maggior parte di loro è stato chiesto se loro o i loro genitori fossero membri del PCC. Alcuni sono stati rimpatriati per motivi inconcepibili, come essere sospettati di collegamenti militari semplicemente perché avevano foto nei telefoni cellulari dell’addestramento militare all’università. Queste attività di perquisizione vanno ben oltre ciò che gli Stati Uniti affermano come “normali forze dell’ordine“.

◆ Il PCC, il governo cinese e il popolo cinese condividono un vincolo inseparabile. Gli Stati Uniti affermano di rispettare il popolo cinese, quindi dovrebbero rispettare il percorso di sviluppo e il sistema politico scelto dal popolo cinese, e rispettare il PCC che rappresenta gli interessi fondamentali del popolo cinese. Prendendo di mira il PCC e il governo cinese, gli Stati Uniti stanno in effetti prendendo di mira il popolo cinese. Qualsiasi cosa fatta per separare il PCC, il governo cinese e il popolo cinese e mettere il popolo cinese contro il PCC e il governo cinese incontrerà sicuramente l’opposizione unanime e la risposta risoluta degli oltre 1,4 miliardi di cinesi.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There are 19 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.