La Corea Popolare sostiene la posizione della Russia e riconosce le repubbliche del Donbass

Il 13 luglio, il governo nordcoreano ha ufficialmente riconosciuto le repubbliche popolari del Donbass, ribadendo in questo modo il suo sostegno nei confronti della posizione russa nella crisi ucraina ed il suo impegno nella lotta contro l’imperialismo statunitense.

La posizione della Repubblica Popolare Democratica di Corea sulla crisi ucraina era stata chiarificata da tempo, visto che la stampa ufficiale di Pyongyang non ha mai fatto mancare il proprio sostegno alla posizione russa, rinnovando il suo storico impegno nella lotta all’imperialismo statunitense.

Kim Hyo Myung, ricercatore presso la Società per gli Studi di Politica Internazionale di Pyongyang, aveva rilasciato un’intervista alla KCNA (Korean Central News Agency) alla vigilia del vertice NATO di Madrid (28-30 giugno), in cui aveva condannato l’Alleanza Atlantica come responsabile della crisi ucraina: “La NATO è responsabile di aver portato un disastro nell’Europa orientale“, aveva sottolineato allora l’accademico nordcoreano. “La NATO è stata istituita con il presunto mandato di difendere l’Europa. L’unico ‘contributo’ che ha dato alla pace e alla sicurezza mondiale è la devastazione di Stati sovrani, il massacro di centinaia di migliaia di civili innocenti e la generazione di milioni di rifugiati attraverso le sue guerre illegali di aggressione in Europa, Medio Oriente e Africa, ovvero in Jugoslavia, Iraq, Afghanistan e Libia“.

Secondo Kim Hyo Myung, il governo degli Stati Uniti non può che essere ritenuto il principale responsabile dell’attuale situazione, per aver seminato dissenso, discordia, confronto e conflitto attraverso la loro espansione verso oriente, sfidando sistematicamente le preoccupazioni per la sicurezza nazionale della Federazione Russa. La crisi ucraina, oltretutto, fa parte di un disegno più ampio dell’imperialismo atlantista, che incombe anche sulla penisola coreana: “Gli Stati Uniti e la Corea del Sud stanno diventando sempre più evidenti nelle loro mosse militari contro di noi nella penisola coreana e nelle sue vicinanze. Tutto sommato, c’è un segnale inquietante che le onde oscure del Nord Atlantico romperanno prima o poi il silenzio del Pacifico“.

Il governo nordcoreano ha infatti reagito duramente alle recenti esercitazioni congiunte tra l’esercito statunitense e quello di Seoul: “Se le esercitazioni militari congiunte su larga scala dovessero essere condotte in modo provocatorio sulla penisola coreana e nelle sue vicinanze con il coinvolgimento di risorse strategiche nucleari degli Stati Uniti, attiveranno le nostre dovute contromisure“, si legge su un articolo a firma di Ri Ji Song, altro ricercatore della Società per gli Studi di Politica Internazionale, pubblicato la settimana scorsa dal Ministero degli Esteri nordcoreano.

Il precipitare della crisi ucraina e l’intensificarsi delle tensioni nella penisola nordcoreana non potevano che portare il governo di Pyongyang a ribadire la sua posizione con un gesto simbolico ma anche molto significativo: il riconoscimento della Repubblica Popolare di Doneck (RPD) e della Repubblica Popolare di Lugansk (RPL), avvenuto ufficialmente mercoledì 13 luglio, come comunicato dal Ministro degli Esteri, Choe Son Hui. Secondo il comunicato della KCNA, Choe “ha informato che il governo della RPDC ha deciso di riconoscere l’indipendenza della Repubblica Popolare di Doneck e della Repubblica Popolare di Lugansk e ha espresso la volontà di sviluppare le relazioni da Stato a Stato con tali Paesi secondo l’idea di indipendenza, pace e amicizia”.

La Repubblica Popolare Democratica di Corea è il terzo Stato membro dell’ONU a riconoscere l’indipendenza delle due repubbliche popolari, dopo la Federazione Russa e la Siria, alle quali vanno aggiunte anche le due repubbliche non riconosciute dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia. Come nel caso della Siria, l’Ucraina ha reagito annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con Pyongyang.

Denis Pušilin, leader della RPD, ha ringraziato il governo nordcoreano per il suo “grande sostegno al popolo del Donbass“. “Questa decisione politica fornirà anche la base per il futuro sviluppo delle relazioni economiche. La partnership bilaterale consentirà alle nostre aziende di espandere il loro commercio. Attendo con impazienza una cooperazione attiva e fruttuosa“, ha aggiunto.

Vladislav Deinego, Ministro degli esteri della RPL, ha affermato che il riconoscimento ufficiale da parte di Pyongyang è una manifestazione del suo sostegno alla lotta contro il nazismo: “La lettera di riconoscimento offre parole di sostegno al popolo della Repubblica Popolare di Lugansk, parole di sostegno alla nostra lotta per l’indipendenza nel confronto con l’aggressione nazista e i satelliti degli Stati Uniti, che si sono consolidati per creare, attraverso un’isteria russofoba, una specie di focolaio che circonda il mondo russo“, ha commentato. Secondo Deinego, la decisione della Corea “espande le possibilità della Repubblica Popolare di Lugansk e consolida il suo status sulla scena internazionale“.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri: Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.