Compralo, goditelo e buttalo via

La contemporanea società dei consumi ci impone di seguire un ritmo frenetico negli acquisti e nella sostituzione dei prodotti, pena l’esclusione dai gruppi sociali. L’analisi critica di Francesco Sassano.

La preoccupazione di essere riconosciuti all’interno del gruppo di appartenenza rappresenta una delle maggiori ansie dell’uomo contemporaneo, maggiormente quanto più la sua identità sociale è integrata nel meccanismo della società dei consumi. Per dirla con Michel Maffesoli, «io sono colui che sono perché gli altri mi riconoscono come tale», per chi non riesce, in un modo o nell’altro, a ottenere il riconoscimento degli altri, l’ammenda — ovvero l’unica alternativa — è una sequela di rifiuti, o comunque di esclusioni.

Nella tribù postmoderna, l’individuo aderisce alla “moda del branco”, e per farne parte è costretto all’acquisto smisurato di un insieme di bene superflui.

La moda del momento ci costringe ad uniformarci inconsapevolmente alle proposte di un mercato in cui la parola d’ordine è la seguente: – occorre eliminare il vecchio e sostituirlo con il nuovo

La vita del consumatore si sviluppa velocemente, non a caso per essere trendy, siamo costretti ad anticipare i tempi ancor prima che gli emblemi (oggetti preziosi, abbigliamento, ecc) con i quali ci identifichiamo vadano tecnicamente – fuori mercato – difatti il rischio è di sentirsi inappropriati ed esclusi dal branco e di cadere nell’oblio.

Per dirla con Dan Slater, la cultura del consumatore associa l’idea di “soddisfazione” a quella di “stagnazione economica”: i bisogni non devono mai avere fine […] [essa] prevede che i bisogni di ciascuno di noi siano insaziabili, e in perenne ricerca di nuovi prodotti attraverso cui essere soddisfatti.

Di conseguenza se la crescita economica non fosse stimolata di continuo, il PIL, la misura ufficiale del benessere del Paese, entrerebbe in crisi.

Necessariamente la crescita economia non è forse stimolata dall’energia e dell’attività dei consumatori? E un consumatore che non si liberi, a breve, di tutto ciò che ha già acquistato, è un po’ come un vento che ha smesso di soffiare.

Continua a leggere l’articolo sulla Gazzetta di Salerno

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

About Francesco Sassano

Francesco Sassano, Sociologo della Comunicazione, osservatore sociale di un mondo sempre più fluido. Per info e collaborazioni: sassanof@libero.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.