Svizzera: il referendum sostiene le misure anti-Covid del governo

Il referendum del 28 novembre ha confermato che la maggioranza dei cittadini svizzeri sostiene le misure prese dal governo federale per contrastare la pandemia di Covid-19. I dettagli della legge approvata da più del 60% dei votanti.

Il 28 novembre, i cittadini della Confederazione Elvetica sono stati chiamati alle urne per decidere su tre referendum, il più mediatizzato dei quali è stato quello sulle misure anti-Covid 19 prese dal governo federale, dopo che già nello scorso mese di giugno l’elettorato aveva espresso un parere favorevole. Alla luce delle modifiche apportate alla legge a marzo, gli svizzeri si sono espressi nuovamente, ribadendo il loro sostegno alle misure per limitare la pandemia con il 62,01% di voti favorevoli ed un’affluenza alle urne del 65,72%.

Ma cosa prevede la legge approvata dal referendum? Di seguito i punti salienti, tratti dal sito del Dipartimento Federale dell’Interno.

Aiuti Finanziari

Ampliamento degli aiuti per le società che hanno dovuto chiudere temporaneamente a causa della pandemia o hanno subito perdite significative nelle vendite.
Ampliamento della compensazione del reddito per i lavoratori autonomi; chiunque abbia un calo delle vendite del 30% invece del precedente 40% ha ora diritto al “reddito Corona”.
Ampliamento dell’indennità di lavoro ridotto per evitare licenziamenti e salvare posti di lavoro.
Indennità giornaliere aggiuntive dell’assicurazione contro la disoccupazione per i disoccupati.
Indennizzo per eventi pubblici di importanza transcantonale che non hanno potuto o non hanno potuto svolgersi a causa della pandemia.
Condizioni meno rigorose per gli aiuti finanziari alle società sportive professionistiche.
Ampliamento degli aiuti finanziari agli istituti per l’assistenza integrativa all’infanzia, comprese le istituzioni pubbliche.
Estensione dell’aiuto finanziario per la cultura e i professionisti della cultura agli artisti freelance.
Risarcimento delle perdite pubblicitarie di emittenti radiofoniche e televisive private fino a un determinato importo.

Sistema di tracciamento dei contatti

La ricerca dei contatti è disciplinata dalla legge sulle epidemie ed è già di competenza dei Cantoni. Con un emendamento alla legge sul Covid-19, alla Confederazione è stato affidato il compito di collaborare con i Cantoni per garantire un sistema di tracciabilità dei contatti funzionante in tutta la Svizzera che garantisca la protezione dei dati. La Confederazione può obbligare i Cantoni a migliorare il monitoraggio dei contagi. In cambio, ricompensa i Cantoni per i loro sforzi.

Certificato Covid

Il Parlamento ha creato la base giuridica per un certificato Covid riconosciuto a livello internazionale. Il certificato è volontario e aperto a tutti. Consente di documentare in modo uniforme e a prova di contraffazione una vaccinazione contro il Covid-19, una precedente malattia o un risultato negativo del test. Anche altri paesi, come l’UE, hanno creato tali documenti e talvolta li utilizzano più ampiamente nella vita quotidiana rispetto alla Svizzera. Il certificato quindi non solo facilita i viaggi all’estero, ma anche la permanenza in loco. In Germania, il certificato riduce il rischio epidemiologico di determinati eventi in modo che questi non debbano essere vietati. L’uso del certificato può anche aiutare a prevenire chiusure come nella primavera 2020 o nella prima metà del 2021.

Esenzione dalla quarantena

Con gli adeguamenti fatti a marzo 2021, ci sono anche delle semplificazioni per i vaccinati e i convalescenti. Non è più necessario metterli in quarantena dopo il contatto con qualcuno che risulta positivo.

Promozione dei test

Le modifiche alla legge sul Covid-19 del marzo 2021 specificano come il governo federale finanzierà i test per il Covid. Dovrebbe promuovere i test per il Covid e sostenere i costi scoperti.

Prodotti medici essenziali

La legge consente al Consiglio federale non solo di acquistare importanti beni medici, ma anche di farli fabbricare. Su questa base, ha incaricato l’Ufficio federale della Sanità Pubblica e Innosuisse (Agenzia svizzera per la promozione dell’innovazione, ndr) di attuare un programma per promuovere lo sviluppo e la produzione di farmaci Covid-19, che durerà fino alla fine del 2022.

Diritti politici

Il Parlamento ha deciso che ora si possono presentare firme provvisorie non solo per referendum ma anche per iniziative popolari senza certificato del comune. Questo passo è stato fatto per tutelare i diritti democratici fondamentali perché la situazione attuale rende difficile la raccolta delle firme.

Requisiti per il Consiglio federale

La modifica del 19 marzo 2021 ha introdotto ulteriori requisiti per il Consiglio federale. Esso deve coinvolgere ancora più da vicino i governi cantonali nella sua politica di crisi. Inoltre, deve ridurre il più possibile la restrizione alla vita economica e sociale. La Confederazione e i Cantoni devono pertanto esaurire le possibilità di test, vaccinazioni e ricerca di contatti.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.