Venezuela, Nicolás Maduro: “Un 2022 di consolidazione economica e soluzioni per il Paese”

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha tracciato un bilancio del 2021 ed esposto le prospettive per il nuovo anno sia in occasione del discorso di Capodanno che dell’incontro con i parlamentari della maggioranza.

Il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ha tenuto martedì un incontro con i deputati della maggioranza all’Assemblea Nazionale, in occasione del quale ha assicurato che il 2022 sarà un anno di consolidamento della crescita economica e della ricerca di soluzioni per il popolo.

Maduro ha sottolineato che il Venezuela possiede l’esperienza, le capacità e le persone per cercare problemi e soluzioni, secondo le parole d’ordine “governare obbedendo al popolo, governare con la tecnologia in modo sistematico, rinnovare tutto ciò che deve essere rinnovato e cambiare tutto ciò che deve essere cambiato”.

La proposta è quella di integrarci nello sforzo di costruire un governo dalla base“, ha affermato il presidente venezuelano, facendo riferimento alla nuova strategia politica istituzionale che prevede una più stretta collaborazione tra i diversi livelli istituzionali e darà maggior potere ai consigli delle comunità.

Maduro ha anche affrontato tematiche di politica estera, sottolineando la politica ostile esercitata dal governo degli Stati Uniti contro il Venezuela attraverso il blocco economico e politico, che sono una delle cause delle condizioni oggettive e soggettive nella nazione. Allo stesso tempo, il presidente ha riconosciuto gli errori dei leader politici, ai quali il governo tenterà di porre rimedio attraverso una nuova tappa di rinnovamento dei metodi di governo.

Maduro ha passato in rassegna le 38 leggi approvate nel corso del 2021, che favoriscono il popolo venezuelano e ha sottolineato che il Paese “ha un potere legislativo di uomini e donne disposti a lavorare e a combattere“. “Indagare come ogni legge è stata concepita per la protezione dei diritti sociali e umani e globali del popolo venezuelano” è una sfida da tenere in considerazione, ha affermato il leader bolivariano. “L’unica critica che vorrei fare è la mancanza di una massiccia diffusione di questi strumenti, dei loro contenuti, dei loro diritti“, ha affermato Nicolás Maduro, riflettendo sul fatto che ogni legge deve avere un piano d’azione e un seguito.

Tra le leggi fondamentali approvate nel 2021 dall’attuale Assemblea Nazionale ci sono la Legge contro la discriminazione razziale, la Legge sulla droga e sul traffico di droga, la Legge del parlamento comunale, la Legge sull’assistenza globale agli adulti e agli anziani, e la, Legge della grande missione giovanile Chamba, che dovrebbe consentire un rilancio e un piano per offrire iniziative ai giovani venezuelani.

Il presidente Maduro si era già rivolto all’intera nazione in occasione del discorso del nuovo anno, nel quale aveva affermato che la protezione del popolo venezuelano continuerà ad essere una priorità per il suo governo nel nuovo anno: “Il popolo, a cui dobbiamo tutti gli onori, nella sua stragrande maggioranza ha optato, ancora una volta, per il socialismo bolivariano e il nostro impegno per rendere il suo processo un’esperienza umanamente gratificante, che cresce, si rafforza e si reinventa come il nuovo tempo”.

In quell’occasione il presidente aveva anche sottolineato di aver raggiunto l’obiettivo del 90% delle persone vaccinate contro il Covid-19: “Con molto sacrificio e anche con grande soddisfazione, siamo stati in grado di permettere al popolo venezuelano di prendersi cura della propria salute e della propria vita“.

Proprio in questi giorni, il Paese sudamericano ha iniziato il Piano nazionale per rafforzare la vaccinazione contro il Covid-19, come annunciato lo scorso 29 dicembre dal ministro della Sanità del Venezuela, Carlos Alvarado. Il funzionario ha spiegato che questo processo avverrà progressivamente e comprende tutte le persone di età superiore ai 18 anni che hanno ricevuto la seconda dose più di sei mesi fa.

A tal proposito, Alvarado ha riferito che il Paese ha scorte pari a 6.700.000 dosi del vaccino russo Sputnik Light e che a gennaio riceverà 12 milioni di vaccini cinesi Sinopharm. Queste oltre 18 milioni di dosi dovrebbero contribuire a garantire la vaccinazione di richiamo nel 2022, a cui si aggiungeranno dosi del vaccino cubano Abdala, che sarà prodotto in Venezuela a partire dal secondo trimestre dell’anno.

Nonostante il blocco economico, il Venezuela è attualmente il Paese sudamericano ad avere il minor numero di casi di Covid-19 in rapporto alla popolazione, con un tasso che è la metà di quello del secondo Paese classificato, l’Ecuador, e quasi undici volte inferiore a quello del Brasile. Inoltre, il Venezuela ha registrato solo 188 morti per milione di abitante, contro i 1.335 della Guyana, il Paese che dispone del secondo dato migliore, e gli oltre seimila del Perù, il Paese che ha sofferto la maggior quota di perdite.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There is one comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.