Gennadij Zjuganov: “Combattere contro il nazismo in Ucraina e instaurare il socialismo in Russia”

Il leader comunista russo Gennadij Zjuganov è intervenuto il 22 marzo alla Duma di Stato sulla situazione del conflitto in Ucraina, ma ha affrontato anche importanti tematiche di politica interna. Di seguito la traduzione del suo discorso.

Cari colleghi,

L’operazione politico-militare per liberare l’Ucraina dal nazismo e dal fascismo ha avuto inizio nel giorno del compleanno di Fëdor Ušakov [1]. Oggi si è aperta alla Duma di Stato una magnifica mostra dedicata a questo genio e al suo talento navale. Prestò servizio in Marina per 46 anni. Comandò la flotta del Mar Nero. Nelle battaglie non ha perso una sola nave. Nessuno dei marinai sotto il suo comando fu fatto prigioniero. E Dio si è preso cura di Ušakov stesso, che non ha ricevuto un solo graffio durante molte battaglie. Dobbiamo imparare da tali comandanti, perché noi siamo il paese della Vittoria. E questo dovrebbe ispirarci oggi nella giusta lotta per la liberazione della fraterna Ucraina dal fascismo.

Di recente, uno dei leader russi ha affermato di non poter chiamare gli ucraini un popolo fraterno. Ma questa è una totale sciocchezza! La stessa Ucraina è stata fatta prigioniera. E dobbiamo fare di tutto per raggiungere gli obiettivi principali che il presidente Putin si è prefissato. E questa è, prima di tutto, la smilitarizzazione, che è un compito completamente risolvibile.

Ma la lotta contro il nazismo e il fascismo è un compito estremamente difficile. Oggi Vi invieremo i materiali preparati dal nostro team. Per dieci anni, il Paese sovietico ha effettuato la denazificazione sul territorio dell’ex Reich fascista e dei suoi satelliti. Abbiamo mostrato un’esperienza unica nella lotta contro il nazismo nella Germania Est, una grande esperienza in Finlandia. A proposito, la Finlandia ha due lingue ufficiali: svedese e finlandese. Anche se gli svedesi sono solo il 3%. E in Ucraina, i russi si sono improvvisamente rivelati un popolo “non indigeno” e non possono parlare la propria lingua. Questo è stato l’innesco del conflitto scoppiato nel Donbass.

Ora l’operazione politico-militare è in pieno svolgimento e dobbiamo fare del nostro meglio per aiutarla a portare a termine con successo. Pertanto, vi consiglio di leggere il nostro materiale sulla denazificazione. E sebbene la stragrande maggioranza di voi non abbia studiato questi problemi, questa è una pratica unica, sia nella forma che nel contenuto, e in termini di efficacia.

La nostra operazione politico-militare ha già prodotto risultati istruttivi e sorprendenti, ma allo stesso tempo formidabili.

Primo. L’essenza del banderismo [2] e del nazismo è evidente a tutti oggi.

E dobbiamo triplicare i nostri sforzi per combattere questo fenomeno disgustoso. Ora è molto importante per noi condurre un’indagine parlamentare su quei laboratori biologici che gli americani hanno costruito lungo l’intero perimetro dei nostri confini, da L’viv ad Almaty (in Kazakistan, ndt). Dobbiamo porre questa domanda direttamente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Dopotutto, siamo in grado di mostrare e dimostrare che questa è una vera minaccia non solo per l’Ucraina e la Russia, ma per l’intera Europa, per l’intera umanità.

Secondo. Dobbiamo renderci conto che è in corso una guerra di civiltà.

Un tempo Huntington [3] scrisse su questo argomento. E gli ho risposto nel 2002 nel mio libro La globalizzazione e il destino dell’umanità. Ma non mi aspettavo che questa guerra si sarebbe rivelata un tale temporale nelle condizioni moderne.

Poi si parlava di liquidare il nostro esercito e Serdjukov [4] ha fatto molto per distruggerlo. Grazie a Dio, Šojgu [5] è venuto con la sua squadra e ha corretto gli errori grossolani del suo predecessore. Ma il compito connesso alla necessità di mobilitare le persone ed educarle in termini politico-militari e patriottici non è stato ancora risolto. Molti dei nostri scolari e studenti studiano secondo programmi stranieri e libri di testo di Soros. La nostra deputata Nina Ostanina ha recentemente tenuto tre audizioni parlamentari su questo tema alla Duma di Stato. E voglio che Russia Unita discuta queste proposte. Hanno assorbito tutto il meglio che c’era nelle nostre scuole russe, sovietiche e straniere.

Lo ripeto ancora una volta: oggi c’è una guerra di civiltà. L’Occidente ha derubato altri paesi per 500 anni e ha tratto profitto a loro spese. E oggi ha deciso di derubare non solo l’Ucraina, ma anche la Russia. Pertanto, dobbiamo dargli un rifiuto collettivo.

Terzo. Abbiamo visto la completa impotenza dell’Europa.

I deputati Melnikov, Charitonov e Kalašnikov ed io abbiamo lavorato per molti anni nel Consiglio d’Europa. Era una piattaforma utile. Ma quello che mi ha stupito di più è stato che ogni volta in quella sede siamo stati rimproverati e educati su tutto: per la Cecenia, per la Bielorussia, per gli Stati baltici, per la Serbia, per il Medio Oriente. E non una sola questione sostanziale è stata considerata correttamente.

Ma oggi dobbiamo dire all’Europa che è sotto il tallone degli americani, anche se non merita un simile destino. La civiltà europea ha dato molto al mondo intero, soprattutto durante il Rinascimento.

Il quarto. Il degrado del personale.

Guardate coloro che oggi prendono decisioni di emergenza. È persino impossibile discutere di un singolo argomento professionale con alcuni leader della nostra aviazione. Non sono stati in nessuna fabbrica di aerei e non possono risolvere i problemi esistenti.

Dobbiamo chiedere al presidente della Duma di Stato di tenere serie audizioni parlamentari su questo tema. Perché non possiamo farcela senza personale forte e intelligente, sebbene la “quinta” e la “sesta” colonna siano oggi nascoste e persino Kudrin [6] non viene ascoltato. In precedenza, Gref [7] aveva detto a tutti come avrebbe ricostruito la scuola in stile americano, e ora è scomparso. Alcuni sono fuggiti, altri si sono nascosti. E ci viene offerto di lavarci con il sangue e continuare il precedente corso finanziario ed economico. Ma non lo faremo.

L’operazione politico-militare ha messo in luce sia i nostri punti di forza che i punti molto deboli. Prima di tutto, dobbiamo fare di tutto per riportare la verità a galla. Qui ho nelle mie mani i tempi della trasmissione televisiva della festa. Mi vergogno a nominarlo, ma voglio che [Aleksandr, ndt] Chinštein, che dirige la commissione della Duma per la politica dell’informazione, le tecnologie dell’informazione e le comunicazioni, lo senta.

Nell’ultima settimana si sono verificati numerosi eventi importanti. Ci sono stati due discorsi del presidente, si è svolta la nostra grande manifestazione in tutta la Russia con bandiere rosse della Vittoria. Ma come hanno seguito questi eventi i cinque principali canali TV? Russia Unita ha ricevuto quasi l’82% del tempo di trasmissione. Il partito Nuova Gente – oltre il 10%. Una Russia Giusta – 4%. Il Partito Liberal Democratico di Russia – 2,5%. Il Partito Comunista della Federazione Russa – meno dell’1,5%. Ma c’è una legge sulla parità di accesso dei partiti politici ai media! Perché viene violata in caso di emergenza quando il presidente ha chiesto coesione e giustizia?

E come reagite agli attacchi contro le imprese del nostro popolo? Ad esempio, SPK Zvenigovskij ha aumentato il prezzo dei prodotti alimentari solo del 5% durante la crisi. Ma l’economia continua ad essere strangolata, anche con i sussidi.

E perché il procuratore generale non ha mai risposto alla nostra inchiesta relativa alla fattoria statale Lenin? Dopotutto, con il pretesto di un’operazione politico-militare, stanno nuovamente cercando di accaparrarsela. Non permetteremo che ciò avvenga, ma perché il procuratore generale non risponde ai nostri appelli?

Riteniamo che nelle attuali difficili condizioni sia estremamente importante implementare una serie di posizioni del programma del Partito Comunista. In particolare, le proposte dell’accademico Kašin [8] in merito alla campagna di semina. Il costo di un chilowattora di elettricità nel villaggio è di otto rubli. È un crimine! Domani il vicepremier [Aleksandr, ndt] Novak verrà alla Duma per l'”ora del governo”, quindi risponda lui. Il presidente ha dato istruzioni, sono stati adottati i programmi pertinenti, si sono tenute audizioni parlamentari alla Duma. Ma la questione dei prezzi dell’elettricità non è ancora risolta. Quindi aumentiamo il controllo! Altrimenti, come daremo da mangiare alle persone?

Ho discusso la situazione in dettaglio con il governatore della regione di Orël, il comunista Andrej Klyčkov. Ci sono quattro zuccherifici nella regione di Orël, ho aiutato a costruirne due. Ora c’è un boom selvaggio intorno allo zucchero. Ma le nostre riserve di zucchero ammontano a più di cinque milioni di tonnellate e il Paese non ne ha mai consumate più di tre milioni e mezzo. E i problemi sorgono solo a causa di risposte analfabeti a queste domande.

Che tipo di mercato può regolare la situazione in condizioni di emergenza? Nessuno! Ascoltate persone intelligenti come Kašin, Kolomeicev, Charitonov.

Per noi è di fondamentale importanza supportare tutto ciò che riguarda l’industria. Ho discusso di questi problemi con il Primo Ministro [Michail, ndt] Mišustin. Abbiamo persone forti e competenti nel governo. Ma non abbiamo risorse per lo sviluppo. È positivo che abbiano iniziato a sviluppare l’elettronica. Ho fornito a Mišustin l’intera suddivisione per settore. Di conseguenza, sono riusciti a trovare 100 miliardi per lo sviluppo dell’elettronica, per poi aggiungerne altri 50 miliardi.

Allo stesso tempo, il ministro delle Finanze [Anton, ndt] Siluanov non vuole sostenere la costruzione. Abbiamo un grande team di costruttori, sono persone molto esperte. Ma come si può costruire qualcosa quando Sberbank concede un prestito al 27%? Dove avete mai visto una scommessa del genere? A proposito, per fare in modo che il mutuo non si fermi, i tassi su di esso non dovrebbero superare il 6-8%.

Abbiamo il 95% dei materiali da costruzione prodotti da imprese russe. Ma anche Sobjanin [9] è stato costretto a riferire in un incontro con Putin che non si stava facendo nulla per avviare la costruzione. Dopo due-tre settimane non si riesce a convincere Siluanov a sostenere la produzione reale. Sebbene Masljukov, Primakov e Geraščenko abbiano risolto questo problema davanti ai miei occhi in tre giorni. Ma la costruzione coinvolge decine di migliaia di imprese. Quindi sosteniamola e, come una locomotiva, trascinerà con sé altre industrie.

Chiedete all’Ucraina. Ma da noi questo accade solo nella regione di Kuban’. Pertanto, la questione della nuova industrializzazione è oggi estremamente importante. Allo stesso tempo, il salario minimo, la pensione e l’assegno per i figli non possono essere inferiori a 25 mila rubli. Quindi risolviamo urgentemente questi problemi, perché l’indicizzazione delle pensioni dell’8,6% non cambierà nulla!

Dobbiamo anche fare di tutto per abolire la riforma cannibalistica delle pensioni e approvare la legge sull’istruzione per tutti.

Gennadij Andreevič Zjuganov, 22 marzo 2022

NOTE

[1] Fëdor Fëdorovič Ušakov (Burnakovo, 24 febbraio 1744 – Alekseevka, 2 ottobre 1817) è stato il più illustre comandante di navi e ammiraglio russo del XVIII secolo. Dal XXI secolo è venerato come santo dalla Chiesa ortodossa.

[2] Stepan Andrijovič Bandera (Staryj Uhryniv, 1º gennaio 1909 – Monaco di Baviera, 15 ottobre 1959) è stato un politico e criminale ucraino, leader dell’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) e fondatore dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA), sostenitore della Germania nazista nel corso della seconda guerra mondiale.

[3] Samuel Phillips Huntington (New York, 18 aprile 1927 – Martha’s Vineyard, 24 dicembre 2008) è stato un politologo statunitense.

[4] Anatolij Eduardovič Serdjukov, ministro della Difesa della Federazione Russa dal 2007 al 2012.

[5] Sergej Kužugetovič Šojgu, ministro della Difesa della Frederazione Russa dal 2012 ad oggi.

[6] Aleksej Leonidovič Kudrin, dal 2018 presidente della Corte dei conti della Federazione Russa.

[7] Herman Gref, ministro dello Sviluppo Economico e del Commercio della Federazione Russa tra il 2000 ed il 2007.

[8] Vladimir Ivanovič Kašin, ex deputato del Partito Comunista e capo della Commissione sugli affari agricoli.

[9] Sergej Semënovič Sobjanin, sindaco di Mosca dal 2010.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri: Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.