Corea del Nord: terminato l’VIII Congresso del Partito del Lavoro

Martedì 12 gennaio si è concluso a Pyongyang l’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea. Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha chiuso l’importante evento politico con un discorso che vi proponiamo in traduzione.

Inaugurato lo scorso 5 gennaio, l’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea si è concluso il 12 gennaio con l’approvazione unanime della risoluzione “Sull’attuazione completa dei compiti stabilito nel rapporto sui lavori del VII Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea“. Questa risoluzione rappresenta un bilancio che ricalca quello tracciato da Kim Jong Un nel corso dell’evento, sottolineando i risultati positivi e quelli meno soddisfacenti raggiunti dal paese nel corso dell’ultimo quinquennio.

Nella risoluzione si riflettono nuovi obiettivi di lotta da raggiungere in tutti i campi, compresa l’economia, la difesa nazionale, la cultura e la gestione dello stato e della società, per guidare la costruzione socialista alla successiva fase di vittoria sulla base dei preziosi successi, dell’esperienza e delle lezioni della nostra rivoluzione nelle situazioni interne ed esterne vigenti e modi innovativi per attuarle“, si legge sulla stampa nordcoreana. La risoluzione, in particolare “ha espresso l’intenzione incrollabile dell’VIII° Congresso del Partito di correggere e superare gli errori aumentando l’intensità della lotta in tutto il Partito e determinando un progresso epocale nello sviluppo del Partito e nella costruzione socialista. Ha anche specificato gli obiettivi per la costruzione socialista da raggiungere nei futuri cinque anni, che riflettono l’aspirazione rivoluzionaria e la determinazione di tutti i delegati e di tutti i membri del Partito ad attuare completamente i compiti militanti stabiliti dal rispettato Segretario Generale [Kim Jong Un, ndr] nel suo rapporto sul il lavoro del VII Comitato Centrale del Partito“.

Il Congresso si è concluso con un discorso di Kim Jong Un, eletto in quest’occasione Segretario Generale del Partito, secondo il quale l’VIII Congresso “ha prodotto l’immediato piano di lotta per aprire un periodo di nuova rapida crescita, un periodo di grandi cambiamenti nella rivoluzione e nella costruzione e importanti questioni che sorgono nello sviluppo del Partito, discutendone sinceramente“.

Di seguito la traduzione integrale del discorso di chiusura tenuto da Kim Jong Un.


Cari delegati,

L’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea, che si è tenuto in un periodo molto cruciale nel corso del rafforzamento e dello sviluppo del nostro Partito e della costruzione del socialismo del nostro stile, ha fornito una discussione completa e una decisione su tutti gli argomenti all’ordine del giorno grazie al grande entusiasmo di tutti i delegati e sta per concludere il suo lavoro.

Durante tutto il periodo del congresso tutti i delegati hanno partecipato con grande sincerità alla discussione delle questioni con il più alto grado di coscienza di Partito e il più alto senso di responsabilità, hanno offerto positivamente le loro opinioni costruttive e raggiunto un consenso nelle loro opinioni, dando così gioco completo alle caratteristiche militanti del nostro Partito che funziona, combatte e avanza.

Finora ci sono stati molti importanti incontri politici a livello di Partito, incluso il Congresso, e i partecipanti hanno mostrato un immenso entusiasmo ogni volta che hanno accolto le politiche e le idee del Comitato Centrale del Partito, ma vedo per la prima volta uno zelo così straordinario per la partecipazione come nell’VIII Congresso del Partito, in cui tutti i partecipanti sono così interessati e immersi nella discussione delle questioni.

Ogni delegato ha svolto uno studio positivo e serio di tutte le questioni discusse mentre spremevano le meningi e si sentivano ansiosi per i problemi combinandoli con il successo e il fallimento del nostro lavoro rivoluzionario e il destino di se stessi e dei loro figli e hanno partecipato con entusiasmo al faticoso lavoro del Congresso.

Sempre consapevoli delle aspettative e dello sguardo pieno di speranza di milioni di membri del nostro Partito e di decine di milioni di altre persone che hanno assistito al Congresso e assumendosi insieme pesanti responsabilità per il progresso e lo sviluppo dell’opera rivoluzionaria, tutti i delegati hanno dedicato tutta la propria mente alla decisione sull’orientamento più corretto e potente della nostra lotta, della strategia e della tattica. Ne sono profondamente colpito e fortemente incoraggiato, e ne sono molto grato.

La linea rivoluzionaria e i piani di lotta immediati stabiliti dall’VIII Congresso del Partito infonderanno una grande speranza in tutti i membri del Partito e nel resto del popolo per il nostro futuro, ispireranno le masse popolari a una nuova lotta e nuove imprese e a determineranno una svolta decisiva in avanti per il nostro Partito organizzativamente e ideologicamente e per migliorare la sua capacità di leadership nella rivoluzione e nella costruzione globale.

Cari delegati,

L’attuale VIII Congresso del Partito ha dimostrato ancora una volta con veemenza la forza di unità e la passione rivoluzionaria peculiari del nostro Partito e del nostro popolo, che si uniscono fermamente in un’unica ideologia e in un unico scopo e che compiono un avanzamento ininterrotto e balzano in avanti verso un nuovo obiettivo di lotta anche nell’affrontare molteplici sfide e prove.

Tutti i membri del Partito, i membri dell’esercito e il resto del popolo si sono impegnati duramente nei loro posti di lavoro e posizioni in modo da difendere l’VIII Congresso del Partito e hanno espresso il loro entusiasta sostegno e le loro aspettative per il Congresso del Partito in forza dei loro risultati di lavoro di un successo senza precedenti.

In nome del Congresso, estendo calorosi ringraziamenti a tutti i membri del Partito, al popolo e all’esercito per aver dimostrato devozione illimitata e spirito rivoluzionario mentre si mantenevano vigili per assicurare il successo dell’VIII Congresso del Partito.

Cari delegati,

L’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea è servito come un congresso di lotta e progresso, che ha dimostrato la ferma volontà dei rivoluzionari di raggiungere la prosperità e lo sviluppo del nostro stile di socialismo senza fallo, con fiducia nella vittoria e nel coraggio e invariabilmente tenendo in alto la bandiera del grande Kimilsungismo-Kimjongilismo.

Il Congresso ha analizzato attentamente i sottili cambiamenti nelle situazioni in patria e all’estero e nell’ambiente soggettivo e oggettivo che influenzano la nostra rivoluzione, e ha riesaminato correttamente il lavoro degli ultimi cinque anni. Di conseguenza, sulla base delle nuove condizioni e della situazione rivoluzionaria, ha avanzato politiche strategiche e tattiche scientifiche e corrette per riadattare e sviluppare le basi dell’economia nazionale e consolidare lo Stato e il sistema sociale, indicando così chiaramente la direzione di avanzamento del lavoro complessivo del Partito e dello Stato.

Sono convinto che ciò abbia fornito una nuova forza motrice per la nostra avanzata e stabilito una chiara pietra miliare e, pertanto, questo Congresso ha segnato un punto di svolta nel promuovere con forza la nostra sacra causa.

L’VIII Congresso del nostro Partito è di grande importanza anche per il rafforzamento e lo sviluppo del Partito.

Dopo aver attraversato un altro grande processo nel corso del rafforzamento e dello sviluppo del nostro Partito, ora siamo pieni di fiducia in noi stessi e di orgoglio per la nostra lotta più che mai e sentiamo ancora una volta profondamente l’importanza della responsabilità che ci siamo assunti.

Le decisioni di un Congresso del Partito sono la strategia e la tattica del nostro Partito per ottenere una nuova vittoria nella costruzione del nostro stile di socialismo, un impegno che il Partito del Lavoro di Corea prende per la rivoluzione e per il popolo e, allo stesso tempo, un ordine supremo che il nostro grande popolo dà al Comitato Centrale del Partito.

I membri del nostro Partito e i delegati a questo Congresso dovrebbero affrontare le decisioni del Congresso del Partito da un punto di vista così nobile e accettarlo seriamente e con onore.

Il futuro della causa socialista dipende dal modo in cui vengono adempiuti i compiti fissati da questo Congresso del Partito, compreso il piano quinquennale per lo sviluppo economico nazionale.

Dobbiamo svolgere a fondo i compiti importantissimi stabiliti dal Congresso del Partito senza condizioni in modo da stimolare un altro impulso nella nostra rivoluzione e fornire al nostro popolo condizioni di vita e un ambiente migliori e più stabili il prima possibile.

Dovremmo organizzare lo studio che coinvolge tutto il Partito per attuare le decisioni del Congresso del Partito in modo da accettare completamente i compiti e i doveri della lotta fissati dal Congresso del Partito e condurre una lotta risoluta in modo da sviluppare la costruzione socialista in una nuova fase.

Pertanto, le organizzazioni del Partito a tutti i livelli dovrebbero organizzare studi intensivi per armare saldamente le persone con i documenti e le decisioni del Congresso del Partito, tenere discussioni e condurre efficacemente il lavoro organizzativo e politico per la loro attuazione, sviluppare tattiche elaborate e condurre una potente lotta per attuare le decisioni del Congresso del Partito.

Dovrebbero prima spronare i membri del Partito all’azione in modo da indurli a condurre gli altri a nuove imprese miracolose attraverso il loro ruolo di apripista e far ribollire tutte le unità e l’intero Paese con gli sforzi per attuare le decisioni del Congresso del Partito.

È necessario organizzare lo studio a livello di Partito sulle Regole del Partito recentemente riviste, e le organizzazioni e i membri del Partito dovrebbero stabilire un clima di osservanza delle norme stabilite nelle Regole del Partito in ogni processo e in ogni occasione del lavoro e della vita del Partito.

Cari delegati,

Innumerevoli prove e difficoltà ci stanno ancora sfidando, ma la nostra determinazione è certa e il nostro futuro promette bene.

Come in passato, così in futuro, il nostro Partito rimarrà infinitamente fedele al principio del popolo al primo posto e farà del suo meglio per continuare a ottenere una nuova vittoria nella costruzione socialista.

Fino a quando il Partito del Lavoro di Corea, tenendo in alto il grande Kimilsungismo-Kimjongilismo come sua bandiera sempre vittoriosa, continuerà a guidare correttamente la rivoluzione e la costruzione e ci sarà la forza invincibile dell’unità unanime del Partito e delle masse, la nostra rivoluzione farà progressi costanti, superando ogni sorta di difficoltà.

Avanziamo tutti dinamicamente verso una nuova vittoria della rivoluzione con una forte fiducia nella vittoria della causa socialista, la causa rivoluzionaria del Juche, e radunandoci solidamente attorno al Comitato Centrale del Partito.

Pienamente convinto che, grazie alla grande efficienza combattiva, alla forza di unità, allo straordinario entusiasmo patriottico e alla perseveranza indomabile delle organizzazioni e dei membri dell’intero Partito, di tutto il popolo e dell’esercito, la strategia e le politiche di lotta proposte da questo Congresso saranno essere portato a termine con successo e saranno compiuti progressi epocali nella costruzione del nostro stile di socialismo, dichiaro chiuso l’VIII Congresso del Partito del Lavoro di Corea.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There is one comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.