Le elezioni negli Stati Federati di Micronesia

Il 2 marzo si sono tenute le elezioni in Micronesia, arcipelago dell’Oceano Pacifico, dove tutti i deputati uscenti hanno ottenuto un nuovo mandato.

Gli Stati Federati di Micronesia costituiscono un arcipelago situato nell’Oceano Pacifico e rappresentano uno dei Paesi più piccoli al mondo, con una popolazione di circa 105.000 persone distribuite su 702 kmq. Indipendente dal 1979, la Micronesia ha stipulato nel 1986 un accordo bilaterale con gli Stati Uniti, denominato Compact of Free Association (COFA), che lega strettamente il governo di Palikir a Washington.

Il 2 marzo, i cittadini della Micronesia sono stati chiamati alle urne per le elezioni legislative, con l’obiettivo di rinnovare dieci dei quattordici seggi che compongono il Congresso della Micronesia. I restanti quattro seggi, infatti, rappresentano i senatori, ognuno dei quali rappresenta uno Stato federato (Yap, Chuuk, Pohnpei e Kosrae) che vengono eletti una volta ogni cinque anni. I dieci seggi sono invece distribuiti in base al peso demografico di ciascuno Stato: cinque per Chuuk, tre per Pohnpei, due per Kosrae ed uno per Yap.

Tutti i dieci seggi in palio, assegnati con il metodo anglosassone del first-past-the-post, hanno visto la riconferma dei parlamentari uscenti. In quattro circoscrizioni, non hanno neppure dovuto affrontare un’opposizione. Visto che in Micronesia non vi sono partiti politici, tutti i candidati si sono presentati come indipendenti.

Dopo essere stato a lungo uno dei pochi Paesi al mondo risparmiato dall’epidemia da Covid-19, la Micronesia ha registrato il suo primo – e fino ad ora unico – caso positivo lo scorso 13 gennaio. Nei pressi dell’arcipelago è stato registrato anche un terremoto in data 26 febbraio: il sisma di magnitudo 5.1, con epicentro nei pressi di Colonia, capitale dello Stato di Yap, non ha fortunatamente causato danni.

Gli Stati Federati di Micronesia sono recentemente saliti alla ribalta delle cronache continentali soprattutto per la decisione annunciata di voler abbandonare il Forum delle isole del Pacifico. Il processo, della durata di un anno, dovrebbe concludersi il 14 febbraio 2022. La decisione è stata presa in seguito ad alcune polemiche riguardanti l’elezione del nuovo segretario generale del Forum, in quanto l’Australia e la Nuova Zelanda, i due Paesi di maggior peso nella regione, hanno deciso di mettere i bastoni fra le ruote al candidato delle Isole Marshall, Gerald Zackios, sostenuto anche dalla Micronesia. Secondo molti Paesi, la mossa dell’Australia e della Nuova Zelanda sarebbe contraria al principio di rotazione della massima carica del Forum, ed ha propiziato l’elezione di Henry Puna, ex primo ministro delle Isole Cook (arcipelago autonomo ma che appartiene alla Nuova Zelanda).

Oltre agli Stati Federati di Micronesia, anche Kiribati, Palau, Nauru e le stesse Isole Marshall (che insieme costituiscono la macroregione della Micronesia) hanno minacciato l’abbandono del Forum in segno di protesta, il che segnerebbe la morte di fatto dell’organizzazione multilaterale, attualmente composta da 16 Paesi.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.