L’Università dell’Alabama conferma la superiorità di Cuba nella lotta al Covid-19

Ricercatori dell’Università dell’Alabama (Stati Uniti) e dell’Istituto di medicina tropicale Pedro Kourí (Cuba) hanno dato vita ad uno studio congiunto comparativo tra la risposta al Covid-19 nei rispettivi Paesi. I risultati, esposti nell’articolo tradotto di seguito, dimostrano la netta superiorità di Cuba.

Lo scopo di questo saggio analitico è confrontare le risposte al Covid-19 a Cuba e negli Stati Uniti e comprendere le differenze nei risultati tra i due Paesi.

Con differenze fondamentali nella struttura e nell’organizzazione dei sistemi sanitari, così come nella filosofia e nella cultura politica, non sorprende che ci siano grandi differenze nei risultati. La risposta più coordinata e completa al Covid-19 a Cuba ha portato a risultati significativamente migliori rispetto agli Stati Uniti.

Al 15 luglio 2021, il tasso cumulativo di casi negli Stati Uniti è più di 4 volte quello di Cuba, mentre il tasso di mortalità e il tasso di mortalità in eccesso sono circa 12 volte più alti negli Stati Uniti. Oltre alle grandi differenze nei casi cumulativi e nei tassi di mortalità tra gli Stati Uniti e Cuba, la pandemia di Covid-19 ha portato alla luce gravi disuguaglianze sanitarie di base negli Stati Uniti.

Il lancio del vaccino presenta una serie di sfide per entrambi i paesi e studi futuri potrebbero esaminare i successi comparativi per identificare strategie di distribuzione e amministrazione efficaci.

Lo scopo di questo saggio è confrontare le risposte al Covid-19 a Cuba e negli Stati Uniti. I due Paesi presentano esempi ampiamente diversi di risposta alla pandemia attraverso l’azione del governo, la sorveglianza e la mitigazione, i test e la messaggistica pubblica e i rispettivi risultati dimostrano l’efficacia complessiva dell’approccio di ciascun Paese.

Il confronto dei due farà luce sulle differenze strutturali e organizzative tra i due sistemi sanitari e su come hanno influenzato gli esiti del Covid-19.

PROFILI PRE-PANDEMIA

Per comprendere meglio le influenze e le implicazioni delle azioni di ciascun paese durante la pandemia, è necessaria una comprensione generale della struttura esistente dei loro sistemi sanitari. La Costituzione cubana del 1976 e la Legge sulla sanità pubblica del 1983 hanno istituito i principi guida del sistema sanitario cubano. Tra questi valori fondamentali spiccano: “la sanità è un diritto, a disposizione di tutti equamente e gratuitamente; l’assistenza sanitaria è responsabilità dello Stato; le attività di assistenza sanitaria sono integrate con lo sviluppo economico e sociale”.

Sebbene il MINSAP (Ministero della Salute Pubblica) sia la guida a livello nazionale, è la cura a livello comunitario che distingue il sistema cubano. Ci sono 11.128 studi medici nei quartieri di Cuba, ognuno dei quali ha una coppia di medici di famiglia e infermieri che spesso risiedono nella stessa comunità e conoscono bene lo stato di salute del quartiere e dei suoi residenti. I team di medici e infermieri di famiglia sono responsabili della promozione della salute, della prevenzione, della sorveglianza, della riabilitazione, del rafforzamento della coesione sociale e di altre funzioni.

I quasi 500 policlinici del paese supervisionano e supportano ciascuno da 20 a 40 di queste cliniche. Gli ospedali comunali occupano il gradino sopra i policlinici e forniscono cure più specializzate e, al di sopra di essi, gli ospedali provinciali di cura terziaria conducono ricerche. Il sistema sanitario cubano è stato progettato senza delimitazione tra sanità pubblica e assistenza clinica. La salute e la medicina della popolazione sono intrinsecamente integrate a tutti i livelli del sistema, con un margine sufficiente di variazione locale in base ai bisogni unici degli individui e delle comunità.

Il sistema sanitario pubblico statunitense si basa sul principio del decentramento, ovvero il ruolo del governo federale in materia di sanità pubblica è secondario rispetto a quello dei governi statali e locali. Sebbene l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti possa essere disponibile per alcuni tramite Medicaid (principalmente per persone a basso reddito) o Medicare (per persone di età uguale o superiore ai 65 anni), per molte persone l’assicurazione sanitaria viene ottenuta tramite un datore di lavoro. Tuttavia, in tutte le forme dell’assistenza sanitaria, non ci sono valori guida concordati (ad esempio, convenienza, accessibilità, universalità) per realizzare i sistemi creati dal governo o dal settore privato, il che ha comportato un’ampia variabilità in tutta la nazione.

La copertura sanitaria non è garantita e un evento sanitario catastrofico potrebbe essere la ragione per cui una persona va in bancarotta. Così, mentre la nazione può vantare un’assistenza sanitaria di alta qualità (per coloro che possono accedervi e pagarla), il sistema rimane afflitto da disuguaglianze e disparità.

Nelle sezioni seguenti, i punti di forza e di debolezza dei sistemi sanitari dei due Paesi saranno esposti attraverso una revisione della sorveglianza e dell’identificazione dei casi, strategie di mitigazione (inclusi isolamento e quarantena), test, sviluppo di vaccini e risultati, compreso lo smascheramento delle disuguaglianze sanitarie in gli Stati Uniti.

RISPOSTE DEL GOVERNO E STRATEGIE DI MITIGAZIONE

La risposta di Cuba al Covid-19 è iniziata nel gennaio 2020, quando la nazione ha iniziato a monitorare gli arrivi in ​​tutti i porti di ingresso e i funzionari di frontiera e dell’immigrazione hanno ricevuto una formazione sul rilevamento e la risposta al Covid-19. A febbraio, tutto il personale ospedaliero e dei centri sanitari ha ricevuto una formazione sul protocollo di prevenzione e cura del Covid-19. Il primo caso di Covid-19 è stato rilevato a Cuba l’11 marzo 2020. Nove giorni dopo, il presidente cubano Díaz-Canel ha annunciato la prima serie di misure nazionali volte a combattere la diffusione del Covid-19.

Queste prime misure riguardavano sia la salute che l’economia. preoccupazioni: includevano ordini di permanenza in casa, divieti di grandi assembramenti e chiusura di molte strutture, nonché disposizioni per la protezione finanziaria per alcuni gruppi e individui ad alto rischio, comprese le piccole imprese o le persone ricoverate in ospedale e incapacitate a causa del Covid-19. Inoltre, i viaggi in uscita erano limitati agli sforzi umanitari e i viaggi in uscita erano limitati ai residenti cubani che, all’arrivo, sono stati ricoverati in ospedale (se avevano sintomi) o sottoposti a quarantena a casa (se asintomatici).

Questa pratica è cambiata con una migliore capacità di test e il personale sanitario ha iniziato a somministrare test diagnostici per il Covid-19 (trascrittasi inversa – reazione a catena della polimerasi [RT-PCR]) a tutti i viaggiatori che arrivano in aeroporto e quindi a ricoverare i casi positivi. Le frontiere sono state chiuse a tempo indeterminato il 23 marzo, la presenza della polizia per le strade è aumentata e ogni stazione delle forze dell’ordine è stata dotata di un procuratore distrettuale per facilitare le accuse contro i trasgressori delle restrizioni Covid-19.

Il 1° aprile è stato istituito l’obbligo nazionale delle mascherine. Una caratteristica importante della risposta del governo e delle strategie di mitigazione impiegate a Cuba è stata la “partecipazione intersettoriale”, con il coordinamento tra tutte le unità governative di alto livello.

Anche la risposta statunitense al Covid-19 è iniziata nel gennaio 2020, quando i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno istituito un quadro di gestione dei casi 2019-nCoV (7 gennaio) e hanno iniziato a testare il coronavirus presso gli aeroporti internazionali JFK, di San Francisco e di Los Angeles, i tre aeroporti statunitensi che ricevono il maggior numero di viaggiatori da Wuhan, in Cina.

Il 21 gennaio è stato confermato il primo caso di Covid-19 nello stato di Washington e il 31 gennaio il segretario del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica. Il governo degli Stati Uniti ha annunciato la sua prima serie di misure nazionali di mitigazione del coronavirus il 13 marzo 2020. Il presidente Trump ha aggiornato la precedente dichiarazione per classificare la pandemia di Covid-19 come emergenza nazionale, una designazione che ha aperto la porta a migliaia di milioni di dollari federali da destinare agli aiuti.

È entrato in vigore anche un divieto di viaggio, che vieta ai non americani che sono stati in uno di 26 Paesi specifici nelle due settimane precedenti di entrare negli Stati Uniti.

È stato spesso affermato che l’approccio principale del governo federale alla lotta contro il Covid-19 era quello di “appiattire la curva”, ovvero distribuire i casi su un periodo di tempo più lungo per evitare di sovraccaricare il sistema sanitario. Pertanto, le azioni iniziali del governo sono state messe in pratica rapidamente e includevano rigide misure di isolamento e blocco in molte parti del Paese; tuttavia, gli Stati Uniti si sono affrettati ad adottare misure meno rigorose, vedendo solo un leggero miglioramento.

L’attuazione di ordini di permanenza a casa, obbligo di mascherine e altri sforzi di mitigazione sono stati lasciati a discrezione degli Stati a causa della natura decentralizzata del sistema sanitario pubblico degli Stati Uniti. Un mandato obbligo per le mascherine sarebbe potuto essere respinto per la sua costituzionalità, ma la variabilità da Stato a Stato ha reso l’uso delle mascherine molto meno efficace poiché i viaggi interstatali erano ancora consentiti.

Il 3 aprile, il CDC ha formalmente raccomandato l’uso di coperture per il viso da parte del pubblico in generale, e entro il 27 luglio 31 Stati e il District of Columbia hanno emesso obblighi di mascherine in tutto lo Stato. Come molti altri sforzi del governo relativi al Covid-19 , l’uso delle maschere è diventato un problema politicizzato.

SORVEGLIANZA E RILEVAMENTO DEI CASI

Una caratteristica unica della risposta cubana al Covid-19 è stato il suo sforzo di rilevamento a livello nazionale, reso possibile dal solido sistema di assistenza sanitaria di base del Paese. Circa 28.000 studenti di medicina si sono offerti volontari per visitare in coppia da 80 a 100 case e aziende ogni giorno, chiedendo quante persone erano presenti in casa e se qualcuno aveva viaggiato, aveva sintomi respiratori o aveva avuto contatti con un caso noto di Covid-19. I questionari di screening sono stati adattati per limitare la probabilità che le persone nascondessero i propri sintomi e per promuovere la diagnosi precoce tra le popolazioni ad alto rischio.

Le informazioni sono state consegnate allo studio del medico di famiglia, che le ha trasmesse al professore coordinatore del policlinico per essere inserite in una banca dati principale. Il medico di famiglia ha quindi seguito le persone che hanno riportato sintomi respiratori. Dati esistenti della valutazione annuale condotta dai medici di famiglia per valutare la salute generale dei quartieri e dei residenti hanno fornito informazioni su coloro che sarebbero stati più a rischio e che avrebbero avuto bisogno di maggiori cure. Oltre allo screening da parte degli studenti di medicina, questi individui con comorbilità hanno anche ricevuto un regolare monitoraggio da parte dei medici di famiglia.

Gli individui sintomatici e quelli con sospetto contatto con un caso noto di Covid-19 sono stati valutati e, se risultavano positivi, sono stati trasferiti in una struttura di isolamento. Ulteriori forme di sorveglianza in atto includono (1) il monitoraggio di tutti i viaggiatori che arrivano nei porti cubani, (2) valutare casi sospetti e contatti di casi confermati e (3) test post mortem in coloro che sono morti con sintomi respiratori o diarroici.

Il rilevamento e la sorveglianza negli Stati Uniti sono stati relativamente disgiunti. Nelle prime settimane della pandemia, i test erano limitati a persone sintomatiche con una storia di viaggi in Cina; solo in seguito i test sono diventati disponibili per gli individui asintomatici con e senza esposizione nota al Covid-19. Man mano che i test diventavano più ampiamente disponibili, il CDC offriva linee guida per l’inclusione dei test nei gruppi a rischio (ad esempio, lavoratori con interazioni faccia a faccia, residenti di ambienti congregati, insegnanti e primi soccorritori) e quando il tasso di positività avesse superato il 10,1%, la randomizzazione sarebbe dovuta essere eseguita almeno due volte a settimana e tutti i contatti stretti dei casi confermati sarebbero dovuti essere valutati.

C’era un’ampia varietà nel modo in cui i governi statali e locali e le singole istituzioni e imprese hanno attuato queste raccomandazioni.

ISOLAMENTO, RICERCA DEI CONTATTI E QUARANTENA

A Cuba, tutti i casi confermati di Covid-19 vengono ricoverati in ospedale. Dopo la guarigione, viene loro sottoposto un secondo test e possono tornare a casa se risulta negativo. Per 15 giorni dopo il ritorno a casa, a tali persone viene chiesto di limitare i loro movimenti fuori casa e vengono monitorate da parte del loro ufficio locale. Vengono segnalati anche tutti i casi confermati di Covid-19, soggetti a monitoraggio contrattuale. Nei primi mesi della pandemia, i contatti identificati sono stati indirizzati alla quarantena obbligatoria in uno dei centri di isolamento nazionali di Cuba. Tuttavia, poiché i risultati sono migliorati, i requisiti di isolamento per i contatti sono stati ridotti e ora i contatti sospetti possono completare una quarantena domestica di 14 giorni, sotto la supervisione del medico di famiglia. Questi sforzi estesi e rigorosi per la tracciabilità dei contatti e l’isolamento sono stati resi possibili da un efficiente scambio di dati orizzontale e verticale. Una comunicazione solida sullo stato dei casi e dei loro contatti avviene in tutti i comuni, le province e il Paese.

Negli Stati Uniti, gli ordini di isolamento e quarantena statali e locali per la popolazione generale hanno seguito le raccomandazioni del CDC, che suggeriscono che tutti gli individui con un risultato del test positivo o che ricevono una notifica di esposizione si isolino nelle loro case per almeno 14 giorni.

Il CDC ha successivamente modificato le linee guida per gli individui asintomatici con sospetta esposizione, ai quali è attualmente raccomandata una quarantena di 10 giorni senza test o una quarantena di 7 giorni se risultano negativi 5 giorni dopo l’esposizione. Queste raccomandazioni evidenziano la considerazione che test e ordini di isolamento vanno di pari passo: gli individui non esaminati, asintomatici e infetti non sono consapevoli della necessità di isolamento.

È stato stimato che sarebbero necessari tra 100.000 e 300.000 traccianti (numeri determinati dalla dimensione della popolazione) per un’efficace tracciabilità dei contatti negli Stati Uniti; tuttavia, con o senza risorse umane, la diffusa trasmissione comunitaria di Covid-19 ha reso altamente improbabile qualsiasi possibilità di tracciamento dei contatti su larga scala di tutti i casi fino a quando la diffusione non inizia a diminuire. Alcune iniziative di tracciamento dei contatti su scala ridotta hanno avuto successo – per esempio, quelli che si verificano nei campus universitari, spesso in collaborazione con i dipartimenti sanitari locali.

Sebbene ci siano stati casi di isolamento e di ricerca dei contatti riusciti, gli sforzi generali sono stati notevolmente ostacolati negli Stati Uniti da restrizioni relative alla libertà, alla privacy e alle libertà civili.

TEST

I test utilizzati per diagnosticare l’infezione da SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, sono suddivisi in due categorie: test di amplificazione dell’acido nucleico (NAAT) e test dell’antigene. I NAAT sono più sensibili, ma il costo per test è elevato e i tempi di elaborazione sono lunghi. È più probabile che i test dell’antigene diano un falso negativo, ma sono meno costosi e danno risultati rapidi. Oltre a questi due test diagnostici, esistono test anticorpali che possono essere utilizzati per rilevare prove di una precedente infezione da SARS-CoV-2.

All’inizio della pandemia, Cuba non era dotata dell’infrastruttura costosa e specializzata o del personale qualificato necessario per implementare massicci test RT-PCR (NAAT). Per adattare e sviluppare gradualmente le capacità, la nazione ha preparato sette laboratori diagnostici nelle regioni Paese, e operato con l’obiettivo di un tasso di positività giornaliera inferiore al 10% per tutti i test. A ottobre 2020, Cuba aveva raggiunto un totale di 13 laboratori diagnostici e, ad aprile 2021, un totale di 27 laboratori diagnostici, con almeno uno in tutte le province. Sebbene il processo sia stato lento nei primi mesi, le strutture diagnostiche cubane si sono prefissate l’obiettivo di eseguire test ad alto volume per rilevare sia casi sintomatici che asintomatici.

I test negli Stati Uniti sono stati più complessi che nell’esperienza cubana. Come altri sforzi relativi al Covid-19, questo è stato ampiamente caratterizzato dalla disorganizzazione e dai messaggi contrastanti del governo federale degli Stati Uniti. Il test RT-PCR sviluppato dal CDC è stato il test utilizzato per rilevare il primo caso di Covid-19 negli Stati Uniti, nel gennaio 2020. I laboratori in tutto il Paese stavano sviluppando i propri test proprio in questo momento; tuttavia, tutti i test diagnostici dovevano ottenere l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense prima dell’uso.

Il test CDC è stato il primo a ricevere l’approvazione della FDA e le spedizioni sono state inviate ai dipartimenti sanitari all’inizio di febbraio. Solo pochi giorni dopo, si scoprì che erano difettosi. Altri test erano disponibili, ma i requisiti statunitensi della FDA crearono una grande barriera burocratica e fu solo il 29 febbraio che quei test hanno ricevuto il via libera dalla FDA per l’uso.

Il coordinamento non è migliorato da allora. Gli Stati Uniti hanno sofferto di una “continua e inadeguata mancanza di test” e di una “disordinata” somministrazione dei test disponibili (ad esempio, durante le prime settimane dell’epidemia, sono stati testati solo individui sintomatici reduci da viaggi, ignorando ciò che era già noto sulla trasmissione comunitaria negli Stati Uniti). I test falliti durante il periodo febbraio-aprile, in particolare, hanno giocato un ruolo importante nell’incapacità di contenere la pandemia.

La tabella 1 mostra il numero di nuovi test per il Covid-19 giornalieri eseguiti per 1.000 persone a Cuba e negli Stati Uniti in quatrro momenti. Entrambi i Paesi hanno dimostrato un costante aumento della capacità di test nel tempo; tuttavia, come confermato da Pérez Riverol, la capacità di test è quantificata al meglio come il numero di test Covid-19 eseguiti per caso confermato. Questa metrica considera l’estensione dell’epidemia in una determinata area e riflette meglio se la necessità di test è stata adeguatamente soddisfatta.(Tabella 2).

COMUNICAZIONE

Nell’era della proliferazione di notizie e social media, la comunicazione sulla salute è diventata un fattore essenziale nella lotta al ovid-19. A Cuba, prima del Covid-19, i canali televisivi di stato trasmettevano messaggi di educazione sanitaria piuttosto che spot pubblicitari (come li conoscono gli americani). Le comunicazioni strategiche e informative relative al Covid-19 sono cominciate all’inizio della pandemia e i funzionari sanitari hanno fornito regolarmente “messaggi completi da casa” che hanno tenuto aggiornato il pubblico e incoraggiato uno spirito di collaborazione.

Questi messaggi sono stati comunicati durante appuntamenti giornalieri trasmessi in tutto il Paese come parte di un'”intensa campagna mediatica” e includevano anche informazioni specifiche sulle persone più a rischio e le misure di sicurezza appropriate che tali individui avrebbero dovuto adottare.

Per combattere la disinformazione, la rete sanitaria cubana ha creato il sito web Infecciones por coronavirus, che ospitava informazioni provenienti da fonti come l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Organizzazione Panamericana della Sanità sullo stato della pandemia e aveva una funzione che permetteva agli utenti di inviare le loro domande per ottenere risposte da esperti nazionali. Juventud Técnica, l’unica rivista cubana a diffusione di massa incentrata su argomenti STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica), ha lanciato uno sforzo per mettere da parte i luoghi comuni e screditare la disinformazione scientifica. Oltre al suo progetto di verifica dei dati, la pubblicazione ha anche prodotto infografiche e materiali relativi a Covid-19, con informazioni provenienti da agenzie governative come MINSAP.

I messaggi relativi al Covid-19 negli Stati Uniti sono stati caratterizzati da conflitto, incoerenza e palese disinformazione. Molti credono che l’amministrazione Trump sia in gran parte responsabile del modo in cui le informazioni scientifiche sono state messe da parte a favore di messaggi più egoistici che hanno minimizzato la gravità dell’epidemia negli Stati Uniti. L’ex presidente Trump ha minato ripetutamente l’autorità pubblica e l’esperienza del CDC e di altre agenzie sanitarie. Sotto un intenso controllo pubblico e di fronte alle critiche dell’amministrazione Trump, il CDC ha modificato alcune delle sue linee guida precedentemente pubblicate nonostante le obiezioni degli esperti interni.

Questa e altre incongruenze hanno seminato dubbi e sfiducia nell’agenzia, come dimostra il calo di 16 punti della fiducia del pubblico nei confronti del CDC tra aprile e settembre 2020. In risposta alla crescente preoccupazione del pubblico e alla preoccupazione per la sicurezza di qualsiasi vaccino presentato, le società ha rilasciato una dichiarazione nel settembre 2020 affermando la loro fedeltà alla scienza riguarda alla velocità durante il processo di sviluppo del vaccino.

SVILUPPO DEL VACCINO

Il piano nazionale di controllo del Covid-19 di Cuba del gennaio 2020 ha ordinato la formazione di un “comitato per l’innovazione” per iniziare lo sviluppo di un vaccino. La nazione ha una delle principali industrie biotecnologiche del mondo, che comprende più di 30 istituti di ricerca e produttori e opera come “conglomerato statale BioCubaFarma”. Poiché l’industria è completamente di proprietà statale, finanziata e gestita dallo Stato, la concorrenza e le azioni a scopo di lucro delle società private non sono state un fattore nello sviluppo del vaccino.

Sebbene il Paese abbia dovuto superare difficoltà nell’ottenere alcune materie prime a causa dell’embargo statunitense, il primo vaccino candidato di BioCubaFarma, SOBERANA01, è stato autorizzato dal Centro per il controllo statale dei medicinali e dei prodotti sanitari, iniziando le sperimentazioni cliniche nell’agosto 2020. A marzo Al 2021, due (SOBERANA02 e Abdala) dei cinque candidati vaccini totali di Cuba erano in studi clinici di fase III.

A questo punto, in tutto il mondo, altri 21 candidati erano entrati nelle sperimentazioni di fase III e Cuba era l’unico paese dell’America Latina ad avere il proprio vaccino in quella coorte. Abdala ha dimostrato di essere efficace al 92,28% contro le malattie sintomatiche e, a luglio 2021, è stato autorizzato per l’uso in emergenza. Entro il 14 luglio, il 10,2% della popolazione cubana era stato completamente vaccinato con 3 dosi e un altro 41,6% aveva ricevuto 1 o 2 dosi.

Cuba prevede che l’intera popolazione sarà vaccinata entro la fine del 2021. Le autorità sanitarie cubane hanno espresso l’intenzione di distribuire dosi di vaccino a livello internazionale, in particolare nei Paesi del Sud del mondo, mentre continua la distribuzione nazionale.

Diverse aziende private sono state coinvolte nel processo di sviluppo di un vaccino da utilizzare negli Stati Uniti. La partnership pubblico-privato tra quelle società e il governo degli Stati Uniti è stata annunciata pubblicamente per la prima volta dall’amministrazione Trump nel maggio 2020. Lo sforzo è stato soprannominato Operation Warp Speed ​​(OWS) e il suo obiettivo iniziale era quello di avere “quantità sostanziali” di vaccini contro il Covid-19 entro gennaio 2021. Il Congresso ha stanziato quasi 10 miliardi di dollari a OWS per finanziare gli sforzi di sviluppo, produzione e distribuzione.

Entro ottobre 2020, OWS aveva annunciato partnership con 6 società: Moderna, Pfizer – BioNTech, AstraZeneca, Johnson & Johnson, Novavax e Sanofi / GSK. Nel novembre 2020, sia Pfizer che Moderna hanno pubblicato risultati promettenti dagli studi clinici di fase III. Giorni dopo, Pfizer è diventata la prima azienda a presentare il suo vaccino candidato alla FDA per gli Stati Uniti e, a metà dicembre, la FDA ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per i vaccini Pfizer e Moderna. Passare dallo sviluppo iniziale del vaccino ad iniettarlo nelle braccia della gente in meno di un anno è stato un traguardo monumentale. Nel febbraio 2021, anche il vaccino a dose singola Johnson & Johnson ha ricevuto un’autorizzazione all’uso di emergenza dalla FDA.

Al 15 luglio 2021, il 48% della popolazione degli Stati Uniti era completamente vaccinato contro il Covid-19, con un altro 7,4% parzialmente vaccinato. Gli Stati Uniti non sono stati privi di problemi di distribuzione. Nelle prime settimane del lancio del vaccino, sebbene il CDC avesse fornito una guida per la definizione delle priorità, l’attuazione a livello statale è stata incoerente e non ha necessariamente soddisfatto le raccomandazioni del CDC. Durante le prime settimane del lancio del vaccino, sono state somministrate più dosi di vaccino (pro capite) ai bianchi rispetto alle persone di colore. Gli Stati Uniti hanno anche avuto grandi sfide nel superare la disinformazione e i dubbi sui vaccini.

CASI MORTI E DISEGUAGLIANZE

La pandemia di COVID-19 ha avuto esiti sorprendentemente diversi tra gli Stati Uniti e Cuba, come mostrato nella Tabella 3, che mostra i numeri cumulativi e i tassi di casi e di mortalità per entrambi i paesi fino al 15 luglio 2021: il tasso di casi cumulativo negli Stati Uniti è superiore a 4 volte quello di Cuba, mentre il tasso di mortalità e il tasso di mortalità in eccesso sono circa 12 volte superiori negli Stati Uniti.

Oltre alle grandi differenze nei casi cumulativi e nei tassi di mortalità tra gli Stati Uniti e Cuba, la pandemia di Covid-19 ha portato alla luce le disuguaglianze sanitarie sottostanti negli Stati Uniti che, sebbene conosciute nella comunità della salute pubblica, non erano in precedenza nella coscienza pubblica. Non si può negare l’immenso contrasto tra i risultati del Covid-19 negli Stati Uniti e a Cuba e la correlazione con alcuni meccanismi organizzativi dei loro sistemi sanitari.

A Cuba, i tassi di mortalità per Covid-19 e il numero di casi confermati si sono bilanciati equamente tra gli strati socioeconomici. Le strutture diagnostiche provinciali e le cliniche di quartiere hanno reso i test e la terapia ugualmente accessibili ai residenti delle aree urbane e rurali. Al contrario, i gruppi di minoranze etniche/razziali negli Stati Uniti hanno tassi di mortalità da Covid-19 doppi rispetto ai bianchi.

Inoltre, gli americani a basso reddito sono stati i più colpiti dagli impatti finanziari del ovid-19 (ad esempio disoccupazione, insicurezza alimentare) oltre ai peggiori risultati nella salute. Queste disparità derivano da carenze strutturali come sistemi di copertura sanitaria inefficienti, infrastrutture sanitarie inadeguate e uso improprio delle risorse esistenti. Le disuguaglianze sono state visibili anche nei settori dei test e delle vaccinazioni.

CONCLUSIONE

Sebbene Cuba e gli Stati Uniti differiscano l’uno dall’altro in molti modi, le loro rispettive esperienze, in particolare i risultati, indicano evidenti fallimenti negli Stati Uniti. La risposta più coordinata e completa al COVID-19 a Cuba ha portato a risultati significativamente migliori rispetto agli Stati Uniti. Gran parte di questa differenza può essere attribuita alla struttura dei sistemi sanitari dei due Paesi. A Cuba, il MINSAP si è fatto carico a tutti i livelli: dalla fornitura di servizi sanitari alla conservazione dell’universalità e dell’accessibilità economica del sistema anche di fronte a una crisi sanitaria globale.

Negli Stati Uniti, una struttura decentralizzata ha causato la distribuzione dell’autorità e della responsabilità tra più agenzie federali e statali e non è emerso un leader chiaro. Pertanto, si può sostenere che l’organizzazione dei sistemi sanitari cubano e statunitense è stata una determinante primaria della loro risposta alla pandemia perché, rispettivamente, hanno prodotto coerenza e direzione chiara, o disorganizzazione e orientamento contraddittorio.

Oltre alle differenze strutturali, Cuba e gli Stati Uniti differiscono nella loro dipendenza generale dal potere concentrato. La risposta a una pandemia si basa molto sulle misure di protezione della salute e su una leadership decisa, che molti americani hanno percepito come una violazione della libertà individuale.

A Cuba, l’adozione di rigorose misure di controllo e il rispetto delle linee guida del governo da parte della maggior parte dei residenti ha indubbiamente facilitato la risposta positiva al Covid-19. È discutibile che azioni comparabili sarebbero state ampiamente accettate dai residenti negli Stati Uniti, ma senza un sistema sanitario ben integrato, è inconcepibile che avrebbero potuto essere adeguatamente attuate, indipendentemente dall’opinione pubblica.

Nel momento in cui scriviamo, la pandemia di Covid-19 continua ad evolversi. Negli Stati Uniti, dopo il Ringraziamento (2020) fino all’aumento di Capodanno (2021), le medie mobili di 7 giorni di nuovi casi e decessi hanno mostrato una tendenza al ribasso costante fino alla fine di marzo 2021, seguita da un altro aumento. Entro maggio 2021, i numeri tendevano a diminuire per poi aumentare di nuovo nei primi giorni di luglio 2021. Dopo mesi di tassi di casi relativamente bassi, Cuba ha registrato un aumento dei casi e dei decessi tra gennaio e marzo 2021, seguito da un appiattimento della curva.

A metà giugno 2021, Cuba ha nuovamente registrato un aumento fino a raggiungere il massimo storico di quasi 7.000 nuovi casi in un solo giorno a metà luglio. L’aumento è attribuito a nuove varianti più contagiose, al declino della percezione pubblica del rischio dovuto a mesi di casi bassi e all’introduzione di vaccini e all’inefficacia dei rinnovati sforzi per limitare la trasmissione limitando la circolazione delle persone. Tra febbraio e giugno 2021, il tasso di riproduzione a Cuba e negli Stati Uniti è rimasto rispettivamente a 1,0 e inferiore a 1,0. Entro il 15 giugno, il tasso di riproduzione ha iniziato ad aumentare in entrambi i Paesi, raggiungendo 1,5 il 10 luglio 2021. Nessuno dei due Paesi ha superato la pandemia, e ulteriori ricerche possono esaminare possibili differenze nell’allentare o inasprire le restrizioni relative al Covid-19 a Cuba e gli Stati Uniti e gli effetti successivi. Il lancio del vaccino presenta una serie di sfide per entrambi i Paesi e studi futuri potrebbero esaminare i successi comparativi per identificare strategie di distribuzione e amministrazione efficaci.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There are 2 comments

  1. Scienza e tecnologia forgeranno il 2022 di Cuba secondo Díaz-Canel – l'Opinione Pubblica

    […] Il 1º gennaio ha un doppio significato per Cuba: oltre all’inizio del nuovo anno, infatti, segna anche l’anniversario del trionfo della Rivoluzione guidata da Fidel Castro, il 1º gennaio 1959. A pochi giorni da questa importante ricorrenza, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, presidente della Repubblica di Cuba e primo segretario del Partido Comunista de Cuba, ha visitato diverse istituzioni scientifiche, risultate fondamentali nella lotta dell’isola contro la pandemia di Covid-19. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.