Daniel Risch nuovo primo ministro del Liechtenstein

In seguito alle elezioni dello scorso 7 febbraio, Daniel Risch è stato nominato primo ministro del Liechtenstein.

Con poco più di ventimila elettori, il Liechtenstein organizza le seconde elezioni meno partecipate d’Europa, dopo quelle del Principato di Monaco. Il 7 febbraio, i cittadini del piccolo principato alpino sono stati chiamati alle urne per rinnovare la composizione del Landtag, il parlamento unicamerale composto da appena venticinque seggi, quindici eletti nella circoscrizione dell’Oberland e dieci nell’Unterland.

Con una partecipazione del 78,01%, le elezioni hanno visto un tirato testa a testa tra i due partiti politici più importanti del Paese, l’Unione Patriottica (Vaterländische Union, VU) e il Partito Progressista dei Cittadini (Fortschrittliche Bürgerpartei in Liechtenstein, FBP), entrambi di ispirazione conservatrice. Sia VU che FBP hanno ottenuto dieci seggi, ma l’Unione Patriottica ha ottenuto il primato grazie ad appena 42 schede in più a proprio favore. Questo significa che VU ha superato FBP come prima forza politica del Liechtenstein, visto che nel 2017 quest’ultimo partito aveva eletto nove deputati contro gli otto della forza rivale.

A livello di percentuali, l’Unione Patriottica ha chiuso con il 35,89% delle preferenze, mentre il Partito Progressista dei Cittadini ha terminato a quota 35,87%. In terza posizione troviamo il partito ecologista Lista Libera (Freie Liste, FL), che con il 12,87% dei consensi conferma i propri tre seggi. Fondata nel 2018, entra per la prima volta in parlamento la lista Democratici per il Liechtenstein (Demokraten pro Liechtenstein, DpL), che elegge due rappresentanti grazie all’11,14% dei voti, mentre perde tutti i suoi tre seggi la formazione di destra Gli indipendenti (Die Unabhängigen, DU), ferma al 4,24%.

Di fatto, il parlamento del Liechtenstein si caratterizza per una netta predominanza delle forze di destra e di estrema destra, con la Lista Libera come unica eccezione.

In seguito alla pubblicazione dei risultati, i due principali partiti hanno iniziato le contrattazioni per dare vita al nuovo governo. In quanto leader della forza politica con il maggior numero di consensi, Daniel Risch è stato candidato come nuovo primo ministro del Paese, in sostituzione di Adrian Hasler (FBP), che ha guidato l’esecutivo del principato dal 2013. Hasler non si era comunque ricandidato per la carica, visto che il FBP ha presentato come leader Sabine Monauni, ex ambasciatrice del Liechtenstein in Belgio e presso l’Unione Europea, che se nominata sarebbe potuta diventare la prima donna premier nella storia del Paese.

Come detto, la scelta alla fine è ricaduta sul quarantaduenne Daniel Risch, che ha già ricoperto in passato i ruoli di vice premier e di consigliere governativo con responsabilità per il ministero delle Infrastrutture, dell’Economia e dello Sport dal 2013.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.