L’esperienza dello Xinjiang nel raggiungere stabilità e prosperità può aiutare il Kazakistan contro le “tre forze”

Pan Guang, direttore del Centro Studi sull’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai presso l’Accademia di Scienze Sociali della città cinese, ha pubblicato un articolo circa la questione kazaka sul Global Times. Di seguito la traduzione dell’articolo.

I fatti hanno dimostrato che le forze malvagie del terrorismo, dell’estremismo e del separatismo – soprattutto le prime due – sono coinvolte nei recenti disordini in Kazakistan. Questi rivoltosi sono stati probabilmente dotati di una sorta di incentivi economici. Le “tre forze” hanno svolto un ruolo importante nelle rivolte, ma al momento è difficile confermarne l’entità.

La Regione Autonoma Uigura dello Xinjiang della Cina nordoccidentale hasofferto gravemente a causa delle “tre forze”, ma la regione si è liberata dell’ombra di quelle idee tossiche. Alcune lezioni che lo Xinjiang ha imparato a proprie spese potrebbero forse aiutare il Kazakistan a uscire dalla situazione a lungo termine.

Innanzitutto, poiché il motivo principale dei recenti disordini è l’aumento del prezzo del carburante, il Kazakistan dovrebbe impegnarsi maggiormente per risolvere i suoi problemi economici per aumentare l’occupazione, il che porterà all’armonia sociale.

In secondo luogo, i pensieri di molti pericolosi terroristi ed estremisti potrebbero essere trasformati attraverso l’istruzione e altri mezzi.

In Kazakistan ci sono alcune divisioni tra diversi gruppi etnici e persino all’interno della comunità kazaka. Sebbene la popolazione del Paese sia prevalentemente kazaka, in realtà ci sono molti clan. Le divergenze tra questi clan hanno ancora un impatto sulla società kazaka. Il Kazakistan ha anche del lavoro da fare per rafforzare l’unità del suo popolo. A questo proposito, la Cina può svolgere un ruolo positivo nell’assistere il Paese centroasiatico a contrastare l’influenza delle “tre forze”.

Il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi ha dichiarato lunedì che la Cina è disposta a rafforzare la cooperazione con il Kazakistan nei settori delle forze dell’ordine e della sicurezza. A mio parere, è probabile che questi sforzi vengano compiuti nell’ambito del meccanismo dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). L’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) è intervenuta nella crisi del Kazakistan inviando forze di mantenimento della pace. E la SCO sicuramente non si fermerà e non lascerà che la situazione si deteriori, poiché il Kazakistan è uno stato membro della SCO.

Proprio in questo momento, gli Stati membri della SCO possono tenere una riunione per discutere del rafforzamento della cooperazione. Non c’è bisogno di un intervento militare della SCO per ora, ma i membri della SCO potrebbero cooperare sull’applicazione della legge antiterrorismo, compreso il lavoro sull’estradizione e la lotta ai crimini transfrontalieri.

Sebbene la società dello Xinjiang sia generalmente stabile, c’è ancora il rischio che le forze terroristiche si riversino nello Xinjiang dal Kazakistan. Il controllo delle frontiere tra Cina e Kazakistan deve essere rafforzato, poiché i due Paesi condividono un lungo confine di oltre 1.000 chilometri.

Allo stesso tempo, il rischio maggiore che potrebbe derivare dalle rivolte in Kazakistan è l’afflusso di estremismo e terrorismo attraverso l’ideologia e la cultura in Cina, principalmente tramite Internet.

Ad esempio, quando lo Xinjiang era minacciato dal terrorismo, molti video che sostenevano la violenza e le attività terroristiche provenivano effettivamente dall’esterno della Cina. Dopo aver visto e ed essere stati sottoposti al lavaggio del cervello da questi materiali tossici, alcune persone nello Xinjiang hanno iniziato a impegnarsi in attacchi terroristici contro persone innocenti. Pertanto, dovremmo essere estremamente diffidenti nei confronti del cyberterrorismo.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

About Giulio Chinappi

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Dal 2012 si occupa di Vietnam, Paese dove risiede tuttora e sul quale ha pubblicato due libri Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam (2018) e Storia delle religioni in Vietnam (2019). Ha inoltre partecipato come coautore ai testi Contrasto al Covid-19: la risposta cinese (Anteo Edizioni, 2020), Pandemia nel capitalismo del XXI secolo (PM Edizioni, 2020) e Kim Jong Un – Ideologia, politica ed economia nella Corea Popolare (Anteo Edizioni, 2020).

There are 2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.